Omicidio Angelo Vassallo, la procura dispone test Dna per 60 persone

Due tracce trovate sulla scena del crimine "non adeguatamente preservata": per escludere chi si è trovato sul posto per vari motivi la procura ha disposto il test del DNA

Angelo Vassallo

Test del DNA per 60 persone nell'ambito delle indagini per l'omicidio di Angelo Vassallo, il sindaco pescatore di Pollica: lo riporta il quotidiano la Repubblica. La procura della Repubblica di Salerno ha infatti disposto il test del DNA per accertare di chi sia l'impronta di una mano trovata sull'automobile del sindaco pescatore e di chi siano le tracce biologiche ritrovate su uno dei bossoli. Un vero e proprio censimento con il quale gli inquirenti si augurano di poter escludere quanti - tra investigatori, giornalisti e anche un magistrato - si recarono sul luogo del delitto Vassallo.

Nel caso in cui gli accertamenti dovessero dare esito negativo, la procura potrebbe avere in mano il DNA dell'assassino e le indagini potrebbero arrivare ad una svolta. Il test del DNA, riferisce la Repubblica, servirà appunto ad isolare le tracce dell'assassino in una "scena del crimine non adeguamente preservata" per le indagini.

 

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Litorale di Salerno, spunta la diga soffolta per allungare la spiaggia

  • Salerno si stringe attorno a Carmine Novella, il Capitano ringrazia e promette: "Lotterò a testa alta"

  • Sviene quattro volte in un giorno e gira tre ospedali, poi il decesso: indagati 2 medici

  • Ospedale di Scafati, parla un paziente Covid: "Miracoli fatti in Campania? Qui mancano i caschi"

  • Covid-19: muore un 34enne ad Agropoli, nuovi casi a Caggiano e Pagani

  • Covid-19: muoiono altri 4 positivi, 11 decessi in 24 ore nel salernitano. Altri casi in 10 comuni

Torna su
SalernoToday è in caricamento