Cronaca

Omicidio a Cava, Nunzia uccisa con quaranta coltellate: l'autopsia

Sono quattro i coltelli sequestrati dai carabinieri che potrebbero essere stati utilizzati da Siani per aggredire la consorte

Salvatore Siani continua a difendersi: “Io amavo Nunzia”. Ma, dalle indagini tuttora in corso sull’omicidio della moglie, Nunzia Magliorano - avvenuto lunedì scorso al termine di una discussione andata in scena all’interno della loro abitazione di Cava de’ Tirreni - sembra trapelare una evidente violenza nell’esecuzione del delitto.

L’inchiesta

Ieri, infatti, è stata svolta l’autopsia sul cadavere della donna, da cui è emerso - riporta Il Mattino - che quest’ultima è stata colpita da ben quaranta coltellate. Quella mortale è stata all’emitorace destro, perché ha provocato una lesione al polmone e una fuoriuscita, secondo i periti, di quasi due litri di sangue. Sono quattro i coltelli sequestrati dai carabinieri che potrebbero essere stati utilizzati da Siani per aggredire la consorte. Non solo. Ma sulla salma della vittima sarebbero stati trovati anche dei morsi. E il suo volto era quasi irriconoscibile. Forse è stata colpita con pugni in faccia. Avvolti dal dolore i familiari e gli amici che ora chiedono giustizia.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio a Cava, Nunzia uccisa con quaranta coltellate: l'autopsia

SalernoToday è in caricamento