Omicidio Dilillo, i legali di Diele chiedono la revoca degli arresti domiciliari

L’uomo, che si trova agli arresti domiciliari presso la casa della nonna a Roma, non si è presentato in aula a causa di problemi telematici legati al braccialetto elettronico

Domenico Diele

Era atteso in tribunale. Ma, alla fine, non si è presentato. Ieri, Domenico Diele, l’attore romano che la notte del 24 giugno scorso travolse e uccise con la sua auto una donna di 48 anni, Ilaria Dilillo, la quale in sella al suo scooter percorreva la corsia nord dell'autostrada del Mediterraneo, nei pressi dello svincolo di Montecorvino Pugliano, non ha partecipato all’udienza preliminare dinanzi al Gup del tribunale di Salerno Pietro Indinnimeo.

Il processo

L’uomo, che si trova agli arresti domiciliari presso la casa della nonna a Roma, – hanno riferito i suoi legali – non si è presentato in aula a causa di problemi telematici legati al braccialetto elettronico. Al termine dell’udienza è emerso che l’attore potrebbe tornare in libertà il giorno della vigilia di Natale in quanto, proprio il 24 dicembre, scadranno i termini di custodia cautelare.  Entro quella data, insomma, il Gup Indinnimeo dovrà decidere se accogliere la richiesta di revoca degli arresti domiciliari con braccialetto elettronico, come chiesto dai legali, oppure applicare una nuova misura cautelare (l0obbligo di dimora oppure la presentazione all’autorità giudiziaria”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma al Ruggi, ragazza partorisce la figlia e poi muore di tumore

  • Sospetto caso di Coronavirus a Cava: bimbo al Cotugno, primi test negativi

  • Costiera a lutto, è morto prematuramente il maresciallo Perrelli

  • Lutto a Salerno, è morta Laura Quaranta: tutti stretti attorno alla famiglia del dottor Della Monica

  • Precipita con l'auto in Costiera: 51enne di Pontecagnano vivo per miracolo

  • Maximall di Pontecagnano: arriva "Mondo Convenienza", nuovi posti di lavoro

Torna su
SalernoToday è in caricamento