rotate-mobile
Mercoledì, 5 Ottobre 2022
Cronaca Agropoli

Cinese imbavagliata e uccisa ad Agropoli, caccia all'assassino latitante

Il Pm Vincenzo Palumbo, presso il Tribunale di Vallo della Lucania, ha emesso un avviso di conclusione indagini: l'assassino, all’epoca dei fatti, sarebbe stato il compagno della vittima

Sarebbe un uomo di 58 anni, di origine cinese, il presunto killer di  Lin Su Quing, la 49enne trovata morta, imbavagliata e legata, nel gennaio 2018, in un appartamento in via Risorgimento, ad Agropoli.  Il Pm Vincenzo Palumbo, presso il Tribunale di Vallo della Lucania, ha emesso un avviso di conclusione indagini: l'assassino, all’epoca dei fatti, sarebbe stato il compagno della vittima. Residente a Terzigno, la cinese arrivò ad Agropoli qualche giorno prima di Natale del 2017 per far ritorno, nel napoletano, subito dopo le feste.

Le prove

Diverse le prove raccolte dai carabinieri di Agropoli, tra immagini di videosorveglianza e intercettazioni, contro l’uomo, attualmente latitante, in quanto rientrato  in Cina dopo il delitto.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cinese imbavagliata e uccisa ad Agropoli, caccia all'assassino latitante

SalernoToday è in caricamento