rotate-mobile
Domenica, 7 Agosto 2022
Cronaca Angri

Caso Elena Ceste, arrestato il marito per omicidio volontario

Il vigile del fuoco originario di Angri, marito di Elena Ceste - la donna trovata senza vita il 18 ottobre 2014 in un canale in provincia di Asti - è finito in manette. Intanto l'autopsia sul corpo della donna non ha prodotto certezze assolute

E' stato arrestato per omicidio volontario, Michele Buoninconti, con l'accusa di omicidio e occultamento di cadavere. Il vigile del fuoco originario di Angri, marito di Elena Ceste - la donna trovata senza vita il 18 ottobre 2014 in un canale in provincia di Asti - è finito in manette. Indagato il 24 ottobre, aveva fornito un racconto che presentava delle incongruenze fin dal primo momento.  Ha raccontato che alle otto del mattino del 24 gennaio 2014 lei gli aveva chiesto di accompagnare i bambini a scuola perché non si sentiva bene. Al rientro dell’uomo dopo circa un’ora, secondo la sua versione, Elena era già scomparsa lasciando in casa il cellulare, gli occhiali da vista di cui non poteva fare a meno e la giacca che solitamente indossava per uscire. Altro "strano" particolare: Michele dice di aver trovato i vestiti della moglie dietro il cancello di entrata, nel cortile di casa. Come se lei si fosse spogliata prima di andare via, ipotizza lui.

Intanto l'autopsia sul corpo della donna non ha prodotto certezze assolute: i risultati del lavoro di Franco Romanazzi, medico legale di Alba, sono stati consegnati ieri in procura. Non sarebbe però stato possibile accertare la causa del decesso, anche se alcuni elementi tenderebbero a rinforzare l'ipotesi che si sia trattato di una morte violenta. Le cartilagini del collo mancano e, quindi, non si può stabilire se la donna sia stata soffocata o strangolata.

 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caso Elena Ceste, arrestato il marito per omicidio volontario

SalernoToday è in caricamento