menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Filomena Iemma (foto dalla rete)

Filomena Iemma (foto dalla rete)

Omicidio Elisa Claps, la madre Filomena si appella al papa

Filomena Iemma ha rivolto un appello a papa Francesco I affinché si adoperi per fare finalmente luce sulla triste vicenda dell'omicidio della figlia Elisa Claps

Un appello al pontefice Francesco, un appello allo scopo di poter essere aiutata per conoscere, finalmente, tutta la verità sulla morte della figlia Elisa Claps: Filomena Iemma, madre della studentessa potentina per l'omicidio della quale a Salerno si sta celebrando il processo d'appello a carico di Danilo Restivo, così si è rivolta al nuovo papa: "Santità, ringrazio il Signore per la sua elezione: il mio cuore di mamma si apre alla speranza. Si adoperi per allontanare ogni ombra dalla Chiesa e fare luce". In chiesa, nel sottotetto della Santissima Trinità di Potenza, i resti di sua figlia sono stati ritrovati, diciassette anni dopo la sua scomparsa. "Santità, non abbiate paura di aiutarmi a comprendere ciò che è accaduto a mia figlia nella chiesa della Trinità di Potenza – ha detto ancora mamma Filomena - Mi appello alla sua sensibilità di Padre e Le chiedo di adoperarsi per allontanare ogni ombra dalla Chiesa e fare finalmente luce in questa soffitta di silenzi. Sua santità, non abbiate paura di aprire le porte della verità su questo triste caso".

Segnata dal dolore, eppure ancora forte e combattiva, Filomena Iemma in aula si è seduta accanto alla cella dove si trovava Danilo Restivo, nell'aula della corte di Assise d'Appello del tribunale di Salerno: lo ha guardato fisso negli occhi, gli ha detto "Devi parlare con me", ma lui è rimasto sempre in silenzio, a testa bassa, senza replicare. E Filomena ha aggiunto: "La mamma di Elisa è sempre qui, i tuoi genitori ti hanno abbandonato". Sul banco, Filomena ha messo una foto della figlia Elisa, affinché Danilo Restivo potesse guardarla.

Fuori dall'aula del tribunale, poi, Filomena Iemma ha definitivo Danilo Restivo "mostro" e "serpente", augurandosi che "marcisca in carcere in Inghilterra". In Inhilterra Danilo Restivo è detenuto per l'omicidio di un'altra donna, Heather Barnett. "Lo voglio incontrare - ha aggiunto Filomena Iemma - Io sono un moscerino, lui un gigante, non avrà paura di me, né io di lui. Se mi danno la possibilità chiederò di incontrarlo, in una stanza, solo io e lui. Quello che ci diremo resterà tra me e lui". Poi, la donna ha concluso: "La mia speranza era quella di incontrare i genitori - aggiunge - coloro che hanno messo al mondo questo mostro, questo serpente. Ma neanche questa volta sono venuti". Quei genitori che Restivo non avrebbe voluto in aula per "non sottoporli a stress". "Io ho avuto il coraggio di guardarlo e di parlargli - ha detto infine mamma Filomena - Lui non ha neanche avuto il coraggio di guardarmi, neanche questo".

Il processo d'appello a carico di Danilo Restivo, unico imputato per l'omicidio di Elisa Claps e condannato, in primo grado e con rito abbreviato, a 30 anni di reclusione dal tribunale di Salerno, riprenderà il 26 marzo con la requisitoria del procuratore generale. Il 9 aprile ci sarà poi la discussione delle parti civili e della difesa. La decisione dei giudici della corte di Assise di Appello dovrebbe arrivare entro fine aprile: sarà allora che ci sarà la sentenza o l'accettazione della richiesta, avanzata da Restivo, di rinnovare il dibattimento. In quest'ultimo caso, la lunga storia di Elisa potrebbe ancora continuare.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona "arancione", ecco cosa cambia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Laureana Cilento, consiglieri donano fiori alle piazze del paese

  • social

    Lotto tecnico, continuano le vincite: ecco i nuovi numeri

  • social

    Promozione culturale, pubblicato l'avviso della Regione Campania

Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento