menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La vittima

La vittima

Delitto delle Fornelle, Gentile critica la vittima: il fratello insorge contro il giudice

Momenti di tensione nel corso dell'udienza preliminare per l'omicidio di Eugenio Tura De Marco. A scatenare l'ira di un familiare del carrozziere deceduto è stato l'unico indagato per l'assassinio. Intervengono i carabinieri

Momenti di tensione durante l’udienza preliminare sulle richieste di rinvio a giudizio per il delitto delle Fornelle. Luca Gentile, considerato dalla Procura di essere l’assassino di Eugenio Tura De Marco, si presenta in aula e decide di rilasciare dichiarazioni spontanee sostenendo, prima di tutto, che l’incontro, verificatosi un anno fa, con il 62enne era avvenuto in strada e che quest’ultimo lo aveva invitato a salire nel suo appartamento di Piazza Matteo D’Aiello. Poi ha ribadito in aula i pressanti approcci sessuali con cui l’uomo lo avrebbe ossessionato fino a minacciarlo affinchè chiudesse la relazione con la figlia Daniela, per la quale il pubblico ministero Guarino ha formulato l’imputazione di concorso morale, sulla base di diversi messaggi telefonici che hanno preceduto e seguito l’omicidio.

“Chiedo scusa a tutti per quello che ho fatto, sono pentito ma... dovevo difendermi.... lui era un ubriacone e ci provava con me” sono state le parole di Gentile che, in pochi secondi, hanno provocato la reazione di un fratello della vittima, che ha prima inveito contro l’avvocato di altri due familiari e poi si è scagliato contro il gup Stefano Berni Canani quando quest’ultimo ha cercato di riportare la calma. “I trent’anni me li faccio nguoll a te” la minaccia sentita nel corridoio dell’ufficio gip soltanto perché il giudice gli aveva chiesto di calmarsi e di non alzare la voce. A quel punto, visto il clima di tensione, sono intervenuti i carabinieri, che hanno riportato tutto alla normalità. L’udienza, quindi, è proseguita senza ulteriori intoppi.

Per l’omicidio di Eugenio Tura De Marco si tornerà in aula tra una settimana quando gli avvocati Enrico Lizza e Luigi Gassani chiederanno per Gentile un abbreviato condizionato alle acquisizioni di alcune testimonianze di persone del quartiere, che potrebbero avvalorare la versione del ragazzo sulle avances della vittima.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento