Venerdì, 30 Luglio 2021
Cronaca

Uccise il collega di lavoro mentre dormiva: sconto di pena per lo straniero

In Corte d'Appello sono cadute le aggravanti per la crudeltà nei confronti dell'indiano. L'uomo fu fermato dai carabinieri poco dopo l'omicidio, ammettendo le sue responsabilità

E’ stata ridotta da trenta a sedici anni di reclusione la pena per il cittadino indiano, Harmanded Singh, accusato dell’omicidio del connazionale e collega di lavoro, Lakhvor Singh, avvenuto nel settembre del 2018. Durante l’udienza in Corte d’Appello, infatti, sono cadute le aggravanti.  Singh venne ucciso con dieci coltellate tra collo e torace. Sessantuno quelle contate in totale dal medico legale.

L'omicidio

Era il 13 settembre 2018, intorno alle 3 di notte, quando l'imputato avrebbe afferrato un coltello da cucina e colpito l'amico, mentre dormiva. Entrambi vivevano nella stessa casa e lavoravano presso la stessa azienda bufalina, tra Cioffi e Campolongo. L'uomo fu fermato dai carabinieri poco dopo l'omicidio, ammettendo le sue responsabilità. Ai militari spiegò di essere stato vessato da tempo dal collega. La vittima era un gradino più in alto nelle gerarchie dell'azienda, rispetto ad Harmanded. Quest'ultimo fece trovare anche l'arma del delitto ai carabinieri. Dopo essere usciti assieme per comprare un cellulare, i due indiani fecero ritorno a casa. Poi litigarono. Di notte, le coltellate durante il sonno. 

Il processo

In primo grado i giudici non avevano accolto la tesi difensiva, ma la Corte d'Appello ha concesso tutte le attuanti del caso.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Uccise il collega di lavoro mentre dormiva: sconto di pena per lo straniero

SalernoToday è in caricamento