Strangolò la madre durante una lite in casa: condannato a 10 anni

All'uomo, Gaetano Caraccio, effetto da problemi psichici, il Gup ha riconosciuto la seminfermità mentale

Dovrà scontare dieci anni di reclusione Gaetano Caraccio, l’uomo accusato di aver ucciso, strozzandola con la cintura, la madre di 74 anni, Vittoria Natella, lo scorso 22 dicembre a Battipaglia. Ad emettere la sentenza - riporta Il Mattino - è stato il Gup del Tribunale di Salerno Vincenzo Pellegrino che, al termine del rito abbreviato, gli ha riconosciuto la seminfermità mentale.   

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il dramma

Il fatto è avvenuto all’interno dell’appartamento in cui i due coabitavano. L’uomo, affetto da problemi psichici, che all’epoca venne prontamente fermato dai carabinieri, ha dichiarato più volte di non voler uccidere la madre ma che era arrivato a quel gesto perché esasperato dopo l’ennesima lite.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19, Sarno si sveglia in lacrime: muore Michele, 38enne ricoverato al Ruggi

  • Suicidio a Salerno, si lancia dalla finestra e muore sull'asfalto

  • "Alimenti scaduti nel mio pacco": il direttore del Banco Alimentare risponde alla mamma di Pontecagnano

  • Covid-19, sospende il pagamento dell'affitto per gli inquilini in difficoltà: il bel gesto di una cittadina di Baronissi

  • Coronavirus: 1° contagio a San Mango e nuovo caso a San Severino, i nomi dei pazienti

  • Coronavirus: nuovi contagi a Baronissi e a San Valentino Torio, Valiante dà il nome

Torna su
SalernoToday è in caricamento