menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il carcere di Salerno

Il carcere di Salerno

Omicidio di Roccapiemonte, la madre della neonata risponde agli psicologi

La perizia psichiatrica vera e propria sarà effettuata la prossima settimana. La donna ha partecipato anche all’udienza di convalida del fermo davanti al Gip avvalendosi, di nuovo, della facoltà di non rispondere

Proseguono le indagini per fare luce sulla reale dinamica dell’omicidio della piccola Maria, la neonata trovata morta in un’aiuola di un condominio di Roccapiemonte.   

L'inchiesta

Ieri - riporta La Città - la madre della piccola, attualmente rinchiusa nel carcere di Salerno con l’accusa di omicidio, ha iniziato a collaborare con gli inquirenti rispondendo alle prime domande degli psicologi, tra cui quello incaricato dalla Procura di Nocera Inferiore, il dottore Ferdinando Pellegrino, i quali hanno il compito di verificare la sua compatibilità con la detenzione carceraria. E se sia capace di intendere e volere. Presente all’incontro anche un consulente di parte della difesa. La perizia psichiatrica vera e propria, invece, sarà effettuata la prossima settimana. La donna ha partecipato anche all’udienza di convalida del fermo davanti al Gip, ma, come all’inizio dell’inchiesta, si è avvalsa della facoltà di non rispondere. Nei giorni scorsi i carabinieri del Ris hanno effettuato i primi sopralluoghi all'interno della sua abitazione, mentre il marito è tornato in libertà. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento