Omicidio Vassallo, il fratello Dario all'Antimafia: "Ecco le stranezze sulle indagini"

Il presidente della Fondazione dedicata all'ex sindaco di Pollica è stato ascoltato, oggi, in Commissione Parlamentare Antimafia, dove ha raccontato alcuni dettagli sull'inchiesta

Ha parla di “stranezze” nelle indagini e di un possibile movente legato alla “droga” Dario Vassallo, presidente della Fondazione Angelo Vassallo e fratello del sindaco di Pollica ucciso il 5 settembre del 2010, che, oggi, è stato ascoltato in Commissione Parlamentare Antimafia, a pochi giorni dal servizio mandato in onda da “Le Iene” proprio sui misteri dell’omicidio. “Sono stanco, ma determinato a trovare la verità a costo di tutto. Vengo in questa commissione - ha dichiarato - perché chiedo a ognuno di voi di mettersi per un minuto nei miei panni: sono stato sbeffeggiato, offeso, querelato. Ho subito di tutto, ma noi non ci fermiamo".

Le indagini  

Nel corso del suo intervento Vasallo ha spiegato alcune cose poche chiare sulle indagini legate all’omicidio: “Il 2 febbraio 2019 chiediamo la perizia balistica e l'autopsia e scopriamo che Angelo era stato raggiunto da 9 colpi di pistola sparati a massimo 40 centimetri e l'attentatore poteva essere in piedi o sul sellino di un motorino". E ancora: “Fino ad allora ci avevano raccontato che era stato ucciso da sette colpi di pistola", ha continuato Vassallo sottolineando che ciò "è gravissimo". "Dopo nove anni scopro che Angelo è stato ucciso da 9 colpi di pistola. Chiedo che si faccia verità e di non essere preso per fesso perché fesso non sono". Vassallo, durante l'audizione, ha anche fatto riferimento alla sparatoria avvenuta nel maggio 2011 a Cecchina, che provocò due morti, per cui una donna fu arrestata: in quella occasione le due vittime che, come ha sottolineato il presidente della Fondazione, erano "trafficanti di droga", furono uccise con una pistola dello "stesso modello di quella che ha ucciso Angelo. Furono fatte le prove balistiche, ma chiedo di ripetere, a distanza di nove anni, le prove balistiche perché le tecnologie sono cambiate".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le stranezze

Infine Dario Vassallo ha raccontato i momenti in cui è arrivato sul luogo dell'omicidio: "Angelo Vassallo fu ucciso il 5 settembre 2010. Quando arrivai sul posto parcheggiammo la macchina - ha detto spiegando che era insieme a un altro fratello - e poi ci siamo avvicinati al luogo del delitto". "Ci sta una sola casa, a 36 metri lineari dal luogo del delitto, e vidi una signora che sgrullava la sua tovaglia", ha continuato il presidente della Fondazione chiedendosi "come mai una signora si mette a pulire casa con un morto a 36 metri?". "Quando sono arrivato, attorno alla macchina di mio fratello ho contato 17 persone e una macchina con la stessa persona salita e riscesa - ha concluso - la strada non era transennata e chiunque poteva accedere a quel posto, non a caso, c'erano 17 persone. In quel frangente ho visto che c'erano stranezze”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni 2020 in Campania: lo spoglio e i risultati/La diretta

  • Posticipato l'inizio della scuola in 12 comuni salernitani, l'elenco si allunga

  • Inizio dell'anno scolastico: 1° campanella il 28 settembre in altri 7 comuni salernitani

  • Si laurea a 20 anni con Lode in Ingegneria Informatica: targa per un salernitano

  • "Oggi voti? Certo, dopo il matrimonio mi reco al seggio": curiosità a Sassano per gli "sposi elettori"

  • Elezioni amministrative 2020: la diretta dello spoglio, i risultati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento