Operazione Mare Sicuro, denunce e sequestri dal Cilento alla Costiera Amalfitana

E' stato anche utilizzato un elicotterodotato di apparecchiature in grado di effettuare il telerilevamento, cioè di rilevare le anomalie tecniche dell’acqua, sintomo della presenza di sversamenti potenzialmente inquinanti

Prosegue l’operazione Mare Sicuro nel Compartimento Marittimo di Salerno. Sono state poste in campo circa venti motovedette, in dotazione al Compartimento salernitano, con personale militare che ha focalizzato i controlli su più versanti. Sono state controllate circa 600 imbarcazioni da diporto e verbalizzati oltre 100 unità che non rispettavano le norme di navigazione in mare per mancato rispetto del limite di navigazione lontano dalla costa e nelle aree marine protette sia di S.Maria di Castellabate che di Costa degli Infreschi e della Masseta. In particolar modo le sanzioni hanno visto finire nel mirino imbarcazioni su tutto il tratto della costiera amalfitana e cilentana che sono da sempre considerate mete turistiche e che riscontrano un flusso di presenze notevole. 

Sempre in termini di controlli marittimi sono state contestate più di 30 notizie di reato per occupazione abusiva di demanio sugli stabilimenti e più di 100 illeciti amministrativi per mancanza delle previste dotazioni di sicurezza presso tutte le strutture balneari sotto il controllo territoriale dell’intero compartimento salernitano. Il secondo filone ha visto e vede il controllo prettamente destinato all’inquinamento marittimo per scarichi abusivi: le verifiche vengono effettuate quotidianamente grazie all’ausilio sia del Laboratorio ambientale Mobile, in servizio presso il Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di porto, sia al supporto di un elicottero della Guardia Costiera NEMO AW 139 rischierato presso l’aeroporto di Pontecagnano con il quale il personale militare sorvola i fiumi Picentino, Tusciano, Sele e altri tratti fluviali. L’elicottero è dotato di apparecchiature in grado di effettuare il telerilevamento, cioè di rilevare le anomalie tecniche dell’acqua, sintomo della presenza di sversamenti potenzialmente inquinanti per il mare ed il litorale costiero.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Proprio in materia ambientale sono stati effettuati circa 1000 controlli e, fra le tante contestazioni elevate, sono state denunciate quattro aziende zootecniche per sversamento illecito di reflui zootecnici nei fiumi vicini (Sele, Picentino e Tusciano). La presenza dell’elicottero è di ausilio anche per le attività finalizzate alla repressione dei comportamenti illeciti in materia di pesca. A tal fine sono stati effettuati più di 900 controlli tra mare e terra (attività commerciali dedite alla vendita dei prodotti ittici) per garantire maggiore sicurezza per la salute pubblica. Anche qui le sanzioni hanno colpito più di 20 soggetti. I controlli e il monitoraggio del territorio con personale attivo h 24 continueranno per tutta la stagione estiva. Si ricorda infine che, in caso di emergenza, il numero blu da contattare è il 1530.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Richiamato per la mascherina abbassata, reagisce male: uomo bloccato a Salerno

  • Giù dal quinto piano di casa, dramma a Nocera: muore ragazzo di 16 anni

  • Pastena, palpeggiata nelle parti intime mentre torna a casa: indagini in corso

  • Covid-19, sono 6 i nuovi casi positivi in Campania: 1 contagio ad Eboli

  • Covid-19: oggi solo lo 0,09% dei tamponi positivi, 2 nuovi contagi all'ospedale di Eboli

  • Rissa in pieno centro a Pontecagnano: un giovane in ospedale

Torna su
SalernoToday è in caricamento