Opere abusive nel Parco del Cilento: scatta l'ordine di demolizione

I manufatti sono stati realizzati in un’area inserita nella perimetrazione definitiva del Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano stabilita dal Piano del Parco senza il necessario nulla osta

Continua la lotta contro la presenza di manufatti abusivi nel Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni. Il direttore Romano Gregorio ha ordinato l’abbattimento di opere realizzate in maniera abusiva nei comuni di San Giovanni a Piro e di Celle di Bulgheria.

Il blitz

Il Raggruppamento Carabinieri Parchi – Stazione di San Giovanni a Piro ha riscontrato diversi abusi in località Palazzone, tra cui un muro di divisione in mattoni lungo 7,56m e di un’altezza variabile da 1,20 a 2,27 metri, una tettoia in legno con pianta ad L coperta da un telo plastificato, una leggera struttura il ferro con copertura telata, posizionate al piano terra del fabbricato principale, diversi manufatti in legno e un manufatto precario. A Celle di Bulgheria, invece, le opere abusive sono state scoperte in località Rossini. Si tratta di muri in calcestruzzo con rivestimento in pietra, di 5 aiuole circolari realizzate in corrispondenza degli ulivi, una rampa di accesso e due muri laterali di pari lunghezza e di un cancello in ferro. Le opere in questione sono state realizzate senza il necessario nulla osta.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma tra le due Nocera, giovane geometra si toglie la vita

  • Eboli, sequestrata una macelleria: il proprietario tenta di aggredire i carabinieri

  • Ultras Salernitana a lutto: è morto Antonio Liguori

  • Roccadaspide, raccoglie castagne cadute sulla strada: minacciato con un'ascia per il "furto"

  • Settecentomila lettere in partenza dall'Agenzia delle Entrate

  • Allaccio abusivo all'energia elettrica: torna libero il titolare del "Giardino degli Dei"

Torna su
SalernoToday è in caricamento