menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'ospedale di Eboli

L'ospedale di Eboli

Eboli, due giovani stranieri ricoverati per una malattia infettiva tropicale

Entrambi, ospiti di un centro di accoglienza situato nel comune di Atena Lucana, sono stati trasportati d'urgenza al nosocomio ebolitano per le cure mediche del caso. Scattate le misure di profilassi: medicine richieste ad una farmacia del Vaticano

Sono ricoverati in gravi condizioni presso l’Unità Operativa di Oncodermovenereologia e Medicina delle Migrazioni dell’ospedale di Eboli - ma non sarebbero in pericolo di vita -  due ragazzi provenienti dal Mali, ospiti di un centro di accoglienza situato nel comune di Atena Lucana, perché - riporta La Città - affetti da Schistosomiasi, una malattia tropicale infettiva conosciuta anche con i nomi di febbre di Kayama o febbre della lumaca. La malattia in questione, che colpisce le vie urinarie, anche se infettiva ha un bassissimo tasso di mortalità e può essere curata in maniera efficace con dei farmaci che attualmente non sono disponibili in Italia, tant’è che l’ospedale ebolitano  li ha richiesti ad una farmacia della Stato della Città del Vaticano.  

Ma come si contrae questo tipo di infezione? Può accadere, ad esempio, immergendosi In acque dolci (fiumi olaghi) contaminate, le larve di Schistosoma penetrano la cute umana e nell’organismo si sviluppano in vermi adulti. È possibile una forma acuta, con prurito ed eruzione cutanea legata all’ingresso del parassita, alcuni soggetti possono sviluppare, a distanza di 1-2 mesi dal contatto iniziale.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Razzo cinese, tra le traiettorie anche la Campania: "Restate a casa"

social

Dopo il "Zitt!" arriva la festa anche per Raffaele il Vikingo

social

Salerno: apre "Osteria di Pescheria", "Pizzicorio" diventa anche bar

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento