menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'ospedale di Eboli

L'ospedale di Eboli

Dimettevano pazienti morti spacciandoli per vivi: sette indagati a Eboli

Nel mirino della Procura sono finiti tre medici e quattro volontari delle Croci: dichiaravano il falso consentendo ad un'agenzia di pompe funebri assicurarsi i funerali

Sette persone, tra cui tre medici e quattro volontari di un’associazione di volontariato, in servizio presso l’ospedale di Eboli, sono finiti nel mirino della Procura della Repubblica perché avrebbero dato vita ad un vero e proprio sistema truffaldino a danno delle famiglie di pazienti deceduti. In poche parole i medici indagati certificavano il falso mettendo in uscita un paziente morto che, però, risultava vivo solo sulla documentazione da loro redatta. Con questo escamotage, tutto a favore degli ambulanzieri, la famiglia del paziente otteneva il trasferimento del cadavere al proprio domicilio e la certificazione, anche quella falsa, del trasporto avvenuto a casa. In quello che passava come un gesto di cortesia, anche da parte dei volontari, secondo gli inquirenti si inseriva un’agenzia funebre collegata al servizio ambulanza che si aggiudicava anche il funerale.

I medici, quindi, sono accusati di falso in atto pubblico, mentre i volontari di illecita concorrenza con minaccia e violenza. Quattro gli episodi finiti sotto la lente di ingrandimento degli inquirenti, a seguito di un litigio scoppiato tra due associazioni di volontariato proprio sul servizio di trasporto ospedaliero.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccinazioni in Campania, al via le adesioni degli “over 60”

Attualità

Covid-19: la Campania verso la conferma in zona rossa

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento