P. O. Roccadaspide (SA), collaudata e attivata la Tac 64 slide

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di SalernoToday

Roccadaspide (SA) 2 ottobre 2019 – Dopo tutti gli opportuni collaudi effettuati il 30 settembre, anche nel Presidio Ospedaliero di Roccadaspide – come è già avvenuto ad Agropoli e Scafati – è entrata in funzione la Tac 64 slide. La direzione e i dovuti collaudi concernenti l’installazione dei nuovi macchinari sono stati affidati agli uffici Tecnici ASL Salerno del distretto di Vallo della Lucania. Nello specifico, come ha spiegato Francesca Perrina, dirigente ingegnere dell’ASL Salerno, presente a Roccadaspide per le operazioni di collaudo: «Si è effettuata una verifica in merito al corretto funzionamento dell’apparecchiatura. Sono stati presi tutti i dati di targa al fine di etichettare e rilevare ciascuno dei componenti del sistema. Così facendo, è stato popolato il nostro database relativo a tutte le apparecchiature elettromedicali che abbiamo in attività, includendo anche questo nuovo sistema. Poi, sono state fatte delle verifiche elettriche che consistono nel testare la sicurezza elettrica della macchina. Inoltre, per tali apparecchiature che generano dei raggi, sono stati effettuati ulteriori verifiche e controlli concernenti la radioprotezione da parte del tecnico qualificato (per il collaudo è stato utilizzato un manichino, n. d. r.)». In particolare, la tac 64 slide dell’ospedale di Roccadaspide rappresenta una delle tre apparecchiature acquistate dall’ASL Salerno – tramite convenzione Consip –, dal costo ciascuna di 300.000 € e fornite dalla Ge Medical System Spa. Un importante investimento in diagnostica di ultima generazione a cui si aggiunge anche l’importo di circa 110.000 € per i lavori di adeguamento eseguiti dalla ditta Boggia SRL. Ad assistere a tali prove, anche il vicesìndaco di Roccadaspide, Girolamo Auricchio che ha sottolineato: «Dopo il nuovo Pronto soccorso, prosegue il potenziamento dell’ospedale con la dotazione della Tac 64 slide, che rappresenta una strumentazione all’avanguardia». Dello stesso parere il direttore U.O. Radiologia P. O. Roccadaspide, il dott. Vincenzo Ragone, il quale ha espresso soddisfazione per tale eccellenza tecnologica arrivata in Radiologia. Un risultato (che include anche il potenziamento dei P. O. di Agropoli e Scafati) ottenuto grazie alla Struttura Commissariale e alla efficienza delle articolazioni aziendali: provveditorato, attrezzature biomedicale e tecniche patrimoniali. Così, se per l’attivazione dell’apparecchiatura in dotazione all’ospedale di Roccadaspide e il conseguente collaudo si è dovuto attendere la realizzazione dei lavori di ampliamento degli spazi ospitanti al fine di garantire una migliore funzionalità, ad Agropoli la tac è attiva dal 29 luglio, mentre quella di Scafati era in funzione già precedentemente. Specifiche tecniche - Sono dei tomografi computerizzati di ultima generazione a 64 slide che consentono di ottenere – attraverso l’uso di sofisticati software ad alta definizione –, 64 sezioni corporee del paziente esaminato in un’unica rotazione della durata di poche frazioni di secondi. In altri termini, questo significa dire una minimizzazione dell’invasività dell’esame e una minore esposizione dei pazienti ai raggi X. Si stima che l’impatto delle radiazioni ionizzanti si riduca di circa l’80%. Rosy Merola

Torna su
SalernoToday è in caricamento