Padula, aggredisce carabiniere nello Sprar: arrestato nigeriano

Lo straniero è andato in escandescenza per futili motivi spaventando gli altri migranti ospiti del centro

Tensione, oggi pomeriggio, all’interno del centro Sprar di Padula, dove un nigeriano di 31 anni è andato in escandescenza per futili motivi. In pochi secondi ha preso in mano una bottiglia di vetro e un coltello seminando il panico tra tutti gli altri migranti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I soccorsi

Sul posto sono giunti i carabinieri per tentare di riportare la calma. Uno di loro, però, è stato ferito dal 31enne mentre cercava di bloccarlo. Nel corso della colluttazione ha riportato un trauma cranico. Per questo il militare è stato trasportato subito all’ospedale di Polla. Le sue condizioni di salute, fortunatamente non sono gravi. Il nigeriano, dopo le formalità di rito, è stato arrestato con l’accusa di resistenza e lesioni a pubblico ufficiale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19: salgono i contagi a Salerno e provincia, muore un paziente. L'appello di Polichetti (Fials)

  • Incidente a Olevano: troppo gravi le ferite, muore 43enne

  • Violate norme anti Covid: la polizia chiude bar a Salerno

  • Belen in Costiera, "salto" a Ravello e degustazione dei dolci di Pansa

  • Covid-19, contagiata una bimba di Pontecagnano

  • Covid-19: sette nuovi contagi in Campania, il bollettino

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento