Pagani, uccise la madre: 53enne sarà rinchiuso per dieci anni in una Rems

L'uomo dovrà continuare una terapia farmacologica, che secondo gli inquirenti aveva interrotto quando, il 21 settembre di due anni fa, uccise la madre Anna De Martino, 85 anni, colpendola più volte alla testa con un piede del letto

Il luogo del delitto

Aniello Giordano non era in grado di intendere e di volere quando il 21 settembre del 2015 uccise la madre, colpendola con ferocia utilizzando il piede di un letto. Ieri il tribunale di Salerno lo ha ritenuto non imputabile per totale infermità mentale  e per questo motivo ha deciso di applicargli una misura di sicurezza che prevede per dieci anni il ricovero in una Rems, le residenze assistite che sostituiscono gli ospedali psichiatrici giudiziari.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’uomo dovrà continuare una terapia farmacologica, che secondo gli inquirenti aveva interrotto quando, il 21 settembre di due anni fa, uccise la madre Anna De Martino, 85 anni, colpendola più volte alla testa. Al termine dei dieci anni una nuova perizia verificherà le sue condizioni e stabilirà se potrà essere dimesso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Riapertura dei ristoranti in Campania: la Regione pubblica il video

  • Giù dal quinto piano di casa, dramma a Nocera: muore ragazzo di 16 anni

  • Pastena, palpeggiata nelle parti intime mentre torna a casa: indagini in corso

  • Richiamato per la mascherina abbassata, reagisce male: uomo bloccato a Salerno

  • Fiume Sele: dopo il lockdown, un'esplosione di colori e biodiversità

  • Rissa in pieno centro a Pontecagnano: un giovane in ospedale

Torna su
SalernoToday è in caricamento