menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Dietro l'incendio del bar "Incontro" una storia di stalking: arrestato l'autore

E' un 40enne la persona che lo scorso aprile riuscì a dare fuoco ad un'attività commerciale, in via Marconi. Dietro il suo gesto, la vendetta per essere stato mollato dalla fidanzata, titolare del bar, vittima a sua volta di vessazioni e persecuzioni

Aveva dato fuoco al bar della sua ex con un accendino, facendo leva su del materiale infiammabile per poi darsi alla fuga. E' stato arrestato oggi, dietro un'ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari, un 40enne pregiudicato di Pagani. P.S. le sue iniziali, accusato di stalking nei confronti della sua ex fidanzata, una 30enne. Il locale fu attinto dalle fiamme nella notte tra il 6 e il 7 aprile scorso, con saletta e piano superiori finiti inutilizzabili a causa dei danni causati dalle fiamme. Dopo un'attività investigativa condotta dai carabinieri della tenenza di Pagani agli ordini del tenente Angelo Chiantese, oggi la svolta, con l'identificazione e l'arresto dell'autore. Dietro quel gesto, una storia di stalking cominciata nel momento in cui una ragazza, titolare del bar stesso, aveva deciso di troncare il suo rapporto con quell'uomo. Quest'ultimo non aveva tuttavia accettato la circostanza, cominciandola ad ossessionare e a seguirla per mesi. Elementi confluiti in una serie di denunce, nelle quali sono state descritte le continue vessazioni subite dalla vittima. Decisive, per l'identificazione e l'arresto del 40enne, anche le testimonianze raccolte già all'epoca e in loco dai militari della tenenza. L'uomo si era posizionato nei pressi del bar, intorno alle 4 del mattino, riuscendo poi ad entrare all'interno e a dare fuoco a del materiale infiammabile che aveva poi causato gli ingenti danni all'attività commerciale

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Indice RT: in Campania il più basso d'Italia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento