Martedì, 22 Giugno 2021
Cronaca

Pagani, violò gli arresti domiciliari uscendo di casa: Cassazione conferma la condanna

L’uomo era stato riconosciuto colpevole in primo grado con la successiva conferma in appello il 4 dicembre 2018

La Cassazione conferma la condanna emessa in appello ad un anno di reclusione a carico di un 34enne nocerino, G.S. , residente a Pagani, volto noto alle forze dell’ordine del territorio, sotto accusa per un’evasione dagli arresti domiciliari. L’uomo era stato riconosciuto colpevole in primo grado con la successiva conferma in appello il 4 dicembre 2018.

Il ricorso

L’imputato aveva presentato ricorso in Cassazione per presunte violazioni di legge e delle norme processuali, tramite il suo legale, incassando il rigetto, con dichiarazione di inammissibilità e ulteriore emissione del pagamento delle spese processuali. In particolare, la difesa contestava delle doglianze rispetto al trattamento sanzionatorio ricevuto, questione «supportata con adeguata motivazione dalla Corte d’appello di Salerno». Il ragazzo si era allontanato dal luogo degli arresti domiciliari in assenza di provvedimento specifico di autorizzazione da parte dell’autorità giudiziaria, in quel frangente chiamata a svolgere le mansioni del giudice di sorveglianza. Contravvenendo al dovuto rispetto delle prescrizioni emesse e delle relative decisioni giudiziarie nei suoi confronti, l’imputato aveva violato la detenzione presso il luogo di domicilio individuato. La Suprema Corte ha ripreso quanto già deicso in appello, dove i giudici avevano valorizzato la personalità negativa dell’imputato, la natura del fatto e l’insofferenza al rispetto delle regole, evidenziata nella vicenda. La condanna era stata di un anno di reclusione. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pagani, violò gli arresti domiciliari uscendo di casa: Cassazione conferma la condanna

SalernoToday è in caricamento