rotate-mobile
Mercoledì, 28 Settembre 2022
Cronaca Pagani

Coltellate al fidanzato della sorella, la condanna è definitiva

L'uomo aveva impugnato la sentenza in Cassazione, contestando il mancato riconoscimento dell'attenuante della provocazione e delle generiche

Diventa definitiva la condanna per lesioni per un 31enne di Pagani, che a marzo 2017 ferì con un coltello il fidanzato della sorella. L'uomo aveva impugnato la sentenza in Cassazione, contestando il mancato riconoscimento dell'attenuante della provocazione e delle generiche. 

La storia

Tra i due vi fu una lite precedente.  Quel giorno, la vittima giunse nei pressi della casa della fidanzata. Il fratello di quest’ultima sopraggiunse poco dopo. Tra i due vi fu un veloce scambio di battute, poi l’imputato estrasse un coltello dalla tasca del giubbotto e colpì con due fendenti la vittima, che si girò su un lato per difendersi e attutire uno dei due colpi, procurandosi una ferita nella parte sottostante l’ascella sinistra. Per la Cassazione, che ha dichiarato il ricorso inammissibile, la motivazione legata al mancato riconoscimento dell'attenuante è stata «corretta ed esente da illogicità». La condanna in primo grado fu di 3 anni.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coltellate al fidanzato della sorella, la condanna è definitiva

SalernoToday è in caricamento