La "scortesia" ad una ragazza dietro la gambizzazione a Pagani: in carcere altri tre

Lo "sgarbo" ad una ragazza, poi una prima lite in un bar e infine la vendetta contro chi aveva provato a difendere la persona contro la quale due fratelli avevano deciso di vendicarsi. Ieri altri tre fermi disposti dalla Procura

Gambizzato a Pagani, si è chiuso ieri il cerchio sulle altre tre persone, raggiunte da un decreto di fermo dalla Procura di Nocera Inferiore con l'accusa di tentato omicidio in concorso. Sullo sfondo, gli spari a "Casa Marrazzo", di giovedì scorso. A finire in carcere, in attesa di convalida, i paganesi M.D.P. e A.D.A. , poi A.S. , di Corbara, gli ultimi due con precedenti penali a carico. Quattro in tutto gli indiziati, con un primo arresto, quello di M.S. , fratello di A.S. , arrestato già venerdì. Stando alle accuse, vi sarebbe stata una "scortesia" fatta nei riguardi di una ragazza a dare inizio ad una serie di eventi che avevano poi portato al commando di fuoco contro la vittima.

L'indagine

Futili motivi e abietti, a caratterizzare una vendetta dopo una precedente lite consumata giovedì, presso un bar di Corbara. La vittima fu raggiunta a Pagani dai quattro, sotto casa. M.D.P. è accusato di aver materialmente esploso quattro colpi di arma da fuoco con una calibro 7,65, con la vittima ferita al ginocchio. Tre colpi erano stati esplosi ad altezza uomo. Ma la vittima stessa era riuscita a salvarsi, girandosi di spalle per poi fuggire. Per la Procura, i quattro volevano uccidere l'uomo. M.D.P. e A.D.A., rispondono in concorso di porto d’armi in luogo pubblico, con un’altra arma detenuta nel corso dell’azione criminale. A risultare decisive per le indagini condotte dal pm Anna Chiara Fasano sono state le immagini di alcune telecamere di sorveglianza, oltre alla testimonianza della moglie della vittima. Tutto sarebbe nato da un litigio nel quale la vittima si era messo in mezzo, per difendere un'altra persona, a sua volta accusata di aver fatto una scortesia ad una ragazza. Ancora prima, si era consumata una lite in un bar a Corbara tra uno degli indagati e il titolare di una concessionaria. Quest'ultimo, accusato di aver lasciato a piedi una ragazza, qualche sera prima.  

La vendetta

Da qui, il proposito di vendicarsi, culminato con l'arrivo dei fratelli A.S. e M.S, alla concessionaria, con mazze e pietre. In quest’occasione era intervenuto direttamente l'amico del titolare, che aveva avuto la meglio sui due aggressori, che si erano successivamente allontanati promettendo però ritorsioni attraverso minacce esplicite. In seguito, i due fratelli si erano presentati con altre due persone per punire proprio l'amico del titolare della concessionaria, nei pressi di Casa Marrazzo, ma questa volta armati di pistola. L’attività d'indagine dei carabinieri di Pagani ha portato ieri alla chiusura del cerchio, con i quattro trasferiti a Fuorni in attesa di convalida e interrogatorio. Sarebbero loro i protagonisti di una vicenda complessa, che ha avuto origine da un'uscita serale a quattro, con due coppie, poi finita in un raid armato con una precedente lite fatta di scazzottate all'interno di un bar.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La strage del Covid-19: muore nella notte 33enne incinta, Nocera piange Veronica

  • Ospedale di Scafati, parla un paziente Covid: "Miracoli fatti in Campania? Qui mancano i caschi"

  • Lutto a Buonabitacolo: muore a 35 anni l'Appuntato Scelto Luca Ferraiuolo

  • Decreto del 4 dicembre: che cosa succederà a Natale, le indiscrezioni

  • In arrivo nubifragi in Campania: le previsioni meteo per Salerno e provincia

  • Sangue in strada: accoltellamento a Pastena, fermato un uomo

Torna su
SalernoToday è in caricamento