menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pagani, il boss Gioacchino Petrosino D'Auria a processo per droga dopo 20 anni

La vicenda risale al 1996, con l'accusa di aver spacciato tre singole dosi di cocaina ad un assuntore. E' il padre dei fratelli Michele e Antonio Petrosino D'Auria, ristretti entrambi al 41 bis e ritenuti a capo del clan omonimo

Per un processo c'è sempre tempo: persino dopo 21 anni dai fatti. E' quanto capitato a Gioacchino Petrosino D'Auria, boss storico del clan omonimo a Pagani, in carcere da anni per l'omicidio di Alfonso Quaranta. Da qualche settimana al tribunale di Nocera Inferiore ha preso il via la fase dibattimentale per un procedimento che vede imputato D'Auria per tre cessioni singole di cocaina, con peso variabile dai cento ai trecento grammi, ad un'altra persona. Le contestazioni risalgono al 1996, periodo nel quale Gioacchino Petrosino era ristretto agli arresti domiciliari. Con l'arresto dell'altro boss storico, Tommaso Fezza, D'Auria avrebbe acquisito in seguito sempre più potere in ambienti criminali, diventandone punto di riferimento

Nei primi anni del 2000, fu coinvolto insieme al figlio più giovane Antonio (ristretto al 41 bis e ritenuto precursore del padre a capo del clan) in un agguato organizzato dal clan rivale, quello di Nicola "Pallino" Fiore, vicino all'organizzazione di Sandro Contaldo. Così come allora, gli inquirenti ritennero che dietro quell'agguato di fuoco - non concretizzatosi - ci fosse la gestione delle piazze di spaccio. Gioacchino ne uscì illeso, ma il figlio Antonio rimase ferito. Mesi dopo, la risposta di D'Auria. Attualmente si trova rinchiuso nel carcere di Cagliari, dopo la condanna ad oltre 20 anni per l'omicidio di Alfonso Quaranta. La vittima era uomo ritenuto vicino proprio a Nicola Fiore. Il boss comparirà di nuovo davanti ai giudici per questa contestazione passata legata ad uno spaccio di cocaina. E' difeso e assistito dall'avvocato Matteo Feccia. 


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cronaca

Salerno: San Matteo ed il Miracolo della Manna

social

Turismo, la spiaggia di Santa Teresa su "Lonely Planet": l'annuncio del sindaco

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento