Raid armato a "Casa Marrazzo" a Pagani: i quattro indagati restano ai domiciliari

Gli indagati sono due fratelli di Corbara e altre due persone di Pagani, accusate in concorso di tentato omicidio. Il raid risale a diverse settimane fa, in località Casa Marrazzo, a Pagani

Restano agli arresti domiciliari, dopo il vaglio del Tribunale del Riesame, le quattro persone coinvolte nel raid armato contro un imbianchino di 34 anni, di Pagani, ferito con un colpo di pistola ad una gamba. Gli indagati sono due fratelli di Corbara e altre due persone di Pagani, accusate in concorso di tentato omicidio. Il raid risale a diverse settimane fain località Casa Marrazzo, a Pagani. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il ricorso

La sparatoria aveva avuto origine da una vendetta scattata dopo una scortesia nei confronti di una ragazza, seguita da una prima lite pomeridiana presso una concessionaria di Corbara. I legali del collegio difensivo avevano puntato alla differenziazione delle posizioni dei soggetti coinvolti nella vicenda, ridimensionando la contestuale portata delle accuse e la grave contestazione di tentato omicidio. Il gip, in particolare, aveva attribuito il fallimento dell’intento di morte all’imperizia dei quattro e alla fuga della vittima, scampata per caso a quella che era individuata come una esecuzione. La moglie della vittima, sentita dai carabinieri, riferì che «quattro uomini avevano fatto irruzione nel cortile interno condominiale, aggredendo fisicamente e poi ferendo con colpo d’arma da fuoco, d’una pistola di piccole dimensioni, il marito, che era andato velocemente in ospedale, in quanto ferito ad una gamba». Decisive, nell’ambito dell’inchiesta, furono le immagini delle videocamere di sorveglianza presenti nel quartiere. La procura contesta l’accusa di tentato omicidio premeditato, «perché gli autori si sono recati presso l’abitazione della vittima armati di pistola con la chiara e ponderata intenzione di utilizzare l’arma, con azione di fuoco culmine di condotta delittuosa prevista e voluta da tutti gli indagati».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19: sospesa la scuola fino al 30 ottobre, chiusi i circoli e stop all'asporto dopo le 21 e alle feste

  • Grande attesa a Fisciano, apre il Parco Commerciale "Le Cinque Porte"

  • Il postino di "C'è Posta per Te" fa tappa a Padula: mistero sul destinatario della lettera

  • Allerta meteo in Campania, i sindaci salernitani chiudono le scuole: ecco i comuni

  • Mini-lockdown in Campania: pubblicata l'ordinanza, De Luca frena le attività e chiude le scuole

  • Covid, in arrivo un nuovo Dpcm: più smart working e nuova stretta sui ristoranti, possibile freno alle palestre

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento