menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pagani, prelevato da casa e picchiato in strada: fissato processo bis

I fatti contestati risalgono al 27 aprile del 2010, con sequestro e pestaggio scattati per i vicoli della Lamia

Si svolgerà il prossimo 9 marzo il processo d’appello-bis a carico degli otto imputati ritenuti parte di un commando, proveniente dal quartiere, accusati di aver aggredito P.C., a causa delle sue intemperanze. Il nuovo giudizio di secondo grado si svolgerà davanti alla Corte d’appello di Napoli, dopo che la Cassazione annullò la decisione della Corte d’Appello di Salerno, per via di una “riproposizione” troppo puntuale della sentenza di primo grado, insieme ad un difetto di motivazione riferito agli elementi forniti da alcuni testimoni.

La storia

Per questa ragione le condanne di secondo grado furono annullate. L vittima era un collaboratore di giustizia, prima che lo stesso uscisse dal programma di protezione. In primo grado gli imputati erano stati tutti condannati. I fatti contestati risalgono al 27 aprile del 2010, con sequestro e pestaggio scattati per i vicoli della Lamia. La sentenza di primo grado descrisse un atto di violenza eseguito dal gruppo per tenere tranquillo il quartiere, con la spedizione nei confronti dell'uomo, colpito a sangue e con un naso fratturato e lesioni alla bocca, dopo essere stato prelevato con al forza da casa sua. E spinto in una Lancia Y. Tutto accadde di sera. Poi arrivò il blitz dei carabinieri e il fermo di sei persone. Mesi dopo, la vittima fu rintracciata a Roma, dove viveva da indigente. Da lì la scelta di collaborare con la giustizia riferendo quanto a sua conoscenza rispetto all’egemonia del gruppo criminale della Lamia, deponendo in diversi processi ma senza ottenere la necessaria credibilità. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento