Pagani, assalto al portavalori: Enrico Laierno condannato a 15 anni di carcere

Il Tribunale condanna il 51enne paganese in primo grado, riconoscendo in lui l'autore del tentato assalto ad un portavalori che trasferiva 80.000 euro in contanti. A coordinare le indagini il sostituto dell'Antimafia, Vincenzo Montemurro

Tentò un assalto armato ad un portavalori che trasportava 80.000 euro in contanti, sparando tra la folla e sulle guardie giurate: il tribunale di Nocera Inferiore riconosce in quel rapinatore il 51enne Enrico Laierno, condannandolo a 15 anni di carcere. La procura, nella figura del sostituto della Dda, Vincenzo Montemurro, aveva chiesto un anno in più. La sentenza di primo grado è stata emessa nel pomeriggio di ieri dal collegio presieduto dal giudice Francesco Paolo Rossetti. L’accusa è di tentato omicidio. I fatti risalgono alla mattina del 28 novembre 2014, quando Laierno, coperto con un casco e armato di mitra, tentò l’assalto ad un furgone della "Cosmopol". L’uomo esplose almeno sette proiettili calibro 9x19, dando inizio ad un conflitto a fuoco con alcune guardie giurate. La pioggia di fuoco costò il ferimento di almeno tre persone (Laierno è stato assolto per il tentato omicidio di almeno due di queste): ad avere la peggio fu un gioielliere, sottoposto in seguito ad intervento chirurgico.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La rapina non riuscì e Laierno si diede alla fuga, dando inizio ad un periodo di latitanza che durò all’incirca due mesi, prima di consegnarsi spontaneamente ai carabinieri di Nocera Inferiore. Le indagini dell’Antimafia (intervenuta per indagini del passato che accostavano Laierno al sodalizio del boss Sandro Contaldo) si servirono delle immagini di videosorveglianza della zona, insieme alla testimonianza di vittime e guardie giurate. Durante il processo, emersero tuttavia altri elementi a carico del 51enne, come la compatibilità dell’arma utilizzata in una rapina del 2011 e la circostanza che mesi prima lo stesso aveva cercato su internet attrezzature per un colpo armato. Le motivazioni della condanna saranno depositate entro 45 giorni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, nuova ordinanza della Regione Campania: confermate le restrizioni

  • Campania: dietrofront sulla scuola, non riaprono neppure le elementari

  • Covid-19: torna l'autocertificazione in Campania, all'orizzonte un nuovo decreto di Conte

  • Superenalotto, la Dea bendata bacia Salerno: vinti 25mila euro

  • Covid-19: il coprifuoco inizia venerdì, De Luca denuncia la mancanza di personale sanitario

  • Ordinanza anti-Covid di De Luca, i commercianti bloccano via Roma: "Il sindaco scenda dal Comune"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento