Scommesse in rete illegali e riciclaggio nell'Agro, le prime sentenze: assolto finanziere

L'operazione sgominò un gruppo, accusato di associazione a delinquere e con base operativa a Pagani, che sarebbe stata molto attiva nelle scommesse online

Scommesse clandestine in rete, assolto il finanziere coinvolto nella maxi indagine "Jamm Jamm", concentrata sulle piattaforme illegali per il gioco online. Il militare, di 52 anni, è stato dichiarato non colpevole perchè il fatto non sussiste. La sentenza è stata emessa dal gup del tribunale, che lo ha assolto da tutti i reati a lui contestati. Quattro invece sono state le condanne, per due imputati di San Marzano sul Sarno - un anno e quattro mesi - un uomo di Castel San Giorgio, dieci mesi e un imputato originario della provincia di Agrigento, un anno e otto mesi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le sentenze

Insieme al finanziere, sono stati assolti altri quattro imputati, residenti invece nell'Agro nocerino. Queste posizioni sono state stralciate rispetto a quelle principali, che sono invece sotto processo a Nocera Inferiore, con il dibattimento nella sua fase iniziale dinanzi al collegio giudicante. L'operazione sgominò un gruppo, accusato di associazione a delinquere e con base operativa a Pagani, che sarebbe stata molto attiva nelle scommesse online. Attraverso un sito internet e senza le autorizzazioni ministeriali, il gruppo sarebbe riuscito ad estendere i suoi affari a regioni quali Basilicata e Calabria. Al vertice dell'organizzazione, finita nel mirino dell'indagine della Procura Antimafia di Salerno, c'era un paganese, coinvolto insieme a parte dei suoi familiari. I profitti delle scommesse clandestine sarebbero state reimpiegate in attività illecite ed in investimenti commerciali, come la gestione di un bar a San Valentino Torio. L'inchiesta fu condotta dai carabinieri del comando provincia di Salerno, dal 2013 al 2015. Il lavoro investigativo portò all'iscrizione di 64 indagati, molti dei quali hanno scelto il rito abbreviato per chiudere, almeno in primo grado, il loro iter giudiziario. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Posticipato l'inizio della scuola in 12 comuni salernitani, l'elenco si allunga

  • "Oggi voti? Certo, dopo il matrimonio mi reco al seggio": curiosità a Sassano per gli "sposi elettori"

  • Covid-19: 195 nuovi contagi di cui 21 casi di rientro, coppia positiva a Campagna

  • Ragazzo senza mascherina perchè autistico, il sindaco di Baronissi: "Ikea gli ha negato l'ingresso"

  • Contagi Covid in aumento, parla De Luca: "Ondata pericolosa in autunno"

  • Covid-19, cinque casi nel comune di Serre. Il sindaco: "Uscite solo se necessario"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento