Pagani, sparò all'amico culturista: per il Riesame non fu tentato omicidio

No al carcere per il culturista paganese Vincenzo Cascetta, che sparò contro l’ex amico Pietrangelo Campitelli. Il tribunale del Riesame di Salerno ha rigettato l’impugnazione della Procura di Nocera Inferiore, che aveva chiesto il carcere

No al carcere per il culturista paganese Vincenzo Cascetta, accusato di aver sparato contro l’ex amico Pietrangelo Campitelli. Il tribunale del Riesame di Salerno ha rigettato l’impugnazione della Procura di Nocera Inferiore, che aveva ravvisato l’accusa di tentato omicidio chiedendo la massima restrizione. I giudici del Tribunale della Libertà hanno confermato gli arresti domiciliari già in atto, derubricando l’accusa in lesioni lievi per la prognosi ospedaliera non superiore ai quaranta giorni. Il processo per Cascetta, raggiunto da richiesta di giudizio immediato, comincerà il prossimo ventidue novembre. L’accusa iniziale di tentato omicidio era già stata derubricata all’atto dell’interrogatorio di garanzia dal Gip. Cascetta fu arrestato e poi scarcerato dal Gip Alfonso Scermino, con la sostituzione della misura dei domiciliari. L’episodio incriminato risale alla fine del maggio scorso, quando un diverbio degenerò fino ad una serie di spari esplosi nei pressi di un bar, a causa di contrasti maturati negli ambienti dei bodybuilders. Agli atti dell’indagine restano le immagini delle telecamere interne ed esterne al locale dove avvenne l’episodio, per ricostruirne la dinamica

Da quella sequenza il giudice ragionò sul fatto che non vi fosse un intento omicida in Cascetta, con la pistola utilizzata a mò di difesa, dopo l'aggressione avvenuta nel bar tra i due. La stessa arma da fuoco fu puntata verso il basso dall'indagato. Il processo al momento comprende due ipotesi di accusa, le lesioni gravi e il tentato omicidio, mentre il Riesame ha individuato il reato di lesioni lievi. Vincenzo Cascetta è difeso dall'avvocato Giacomo Morrone. L’episodio avvenne nel primo pomeriggio di domenica 28 maggio, dopo un primo alterco in cui era coinvolta inizialmente anche una terza persona, istruttore di body-building. Cascetta, 38enne, fu accusato inizialmente di tentato omicidio per aver sparato contro Pietrangelo Campitelli, 45enne paganese, ricoverato in ospedale con lesioni derivanti da colpo d’arma da fuoco. Alla base di quel litigio, la convinzione da parte di una terza persona che Cascetta volesse riferire di un presunto giro di sostanze dopanti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La strage del Covid-19: muore nella notte 33enne incinta, Nocera piange Veronica

  • Ospedale di Scafati, parla un paziente Covid: "Miracoli fatti in Campania? Qui mancano i caschi"

  • Lutto a Buonabitacolo: muore a 35 anni l'Appuntato Scelto Luca Ferraiuolo

  • In arrivo nubifragi in Campania: le previsioni meteo per Salerno e provincia

  • Decreto del 4 dicembre: che cosa succederà a Natale, le indiscrezioni

  • Sangue in strada: accoltellamento a Pastena, fermato un uomo

Torna su
SalernoToday è in caricamento