Litigano nel traffico, padre e figlio aggrediti con un tirapugni a Pagani

Un uomo di 46 anni rischia il rinvio a giudizio, così come chiesto dalla procura, con l'accusa di lesioni aggravate a carico di due persone, finite nel mirino dell'uomo a causa del diverbio in strada

Litigio per motivi di traffico, con tanto di aggressione. Ora un uomo di 46 anni rischia il rinvio a giudizio, così come chiesto dalla procura, con l'accusa di lesioni aggravate a carico di due persone, finite nel mirino dell'uomo a causa del diverbio in strada.

L'episodio

Secondo le indagini, l'uomo utilizzò una noccoliera, indossato alla mano per ferire con più forza i "rivali" in questo caso. Si trattava di due persone, padre e figlio, entrambi di Pagani, colpiti rispettivamente al capo e al volto dall'uomo. Le vittime furono soccorse e trasferite in ospedale, a Nocera Inferiore, per via di quelle lesioni refertate in sette e dieci giorni dai medici dell'Umberto I. L'organo inquirente contesta all'imputato l'aggravante di aver agito per futili motivi, alla base della sfuriata. I fatti contestati risalgono al 25 ottobre del 2017. L'uomo uscì dall'auto per aggredire le persone presenti in un altro veicolo, in ragione di un rimprovero che avrebbe avuto dagli stessi durante una manovra. Il 46enne di Pagani rischia ora il giudizio, con l'ultimo vaglio del gip, in udienza preliminare, a seguito della denuncia presentata da padre e figlio. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Campania, parte la zona gialla "rinforzata": ecco cosa si potrà fare (e cosa no)

  • Nuovo Dpcm e zona gialla per la Campania: ecco le nuove regole da rispettare

  • Nuovo Dpcm 15 gennaio: ecco cosa dovrebbe cambiare anche in Campania, nelle zone gialle riaprono i musei

  • In Campania il numero dei vaccinati è maggiore dei vaccini arrivati: la Regione si affretta a chiarire

  • Strada ghiacciata, incidente a catena in autostrada a Pontecagnano: quattro i feriti

  • Vaccino ad amici e parenti, indaga la Procura di Salerno: intervengono i Nas

Torna su
SalernoToday è in caricamento