rotate-mobile
Domenica, 5 Febbraio 2023
Cronaca Pagani

Condannati per violenza su minore: affidamento al lavoro per gli ultimi mesi di pena

La giovane fu spinta in auto con la forza, quella sera, dopo essere uscita da una cornetteria. Poi costretta, nei pressi di una scuola, a consumare un rapporto sessuale con entrambi

Sono stati scarcerati con affidamento al lavoro due ragazzi di Pagani, condannati in via definitiva per violenza sessuale commessa su una minorenne. Con pochi mesi residui di pena da scontare, la difesa ha chiesto ed ottenuto dal Tribunale di Sorveglianza il provvedimento che, di fatto, concede agli imputati la possibilità di uscire dal carcere.

La storia

I due erano finiti in manette dopo l’episodio: quindi erano seguite scarcerazioni, tra arresti domiciliari e remissioni in libertà, prima del passaggio in giudicato della sentenza, contestualmente al rigetto del ricorso presentato in Cassazione, con il computo della pena finale a tre anni e dieci mesi di pena. I fatti risalgono a marzo 2016. Nella fase investigativa si era svolto un incidente probatorio in cui la vittima, minorenne all’epoca, aveva ribadito la sua versione davanti al gup del tribunale di Nocera Inferiore. I due erano stati condannati per l’accusa di violenza sessuale, con la continuazione per le accuse di sequestro di persona e resistenza a pubblico ufficiale, senza l’aggravante dell’alterazione alcolica per la vittima minorenne. L’istruttoria aveva compreso l’esame decisivo del Dna effettuato sui campioni salivari dei due imputati, con raffronto sugli indumenti della ragazzina, a conferma del rapporto sessuale. La giovane fu spinta in auto con la forza, quella sera, dopo essere uscita da una cornetteria. Poi costretta, nei pressi di una scuola, a consumare un rapporto sessuale con entrambi. I due saranno seguiti da personale addetto, al fine di vigilare il rispetto di quanto concesso dal tribunale. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Condannati per violenza su minore: affidamento al lavoro per gli ultimi mesi di pena

SalernoToday è in caricamento