Palazzo Santoro, condannati Miccio e Villani per falso ideologico

C'è un atto falso a firma del Soprintendente Gennaro Miccio e dal funzionario Giovanni Villani, nella documentazione per la ristrutturazione di Palazzo Santoro

C'è un atto falso a firma del Soprintendente Gennaro Miccio e dal funzionario Giovanni Villani, nella documentazione per la ristrutturazione di Palazzo Santoro. Si attestava che l'ingegnere Giuseppe Carluccio possedesse i titoli necessari per poter progettare e dirigere i lavori, ma tale dichiarazione non corripondeva al vero. Ieri, la sentenza presso la I sezione penale del Tribunale di Salerno.

Nel 2010, quando la vicenda ha avuto luogo, il Soprintendente era Giuseppe Zampino. Ad ogni modo, Miccio e Villani incassano una condanna di otto mesi per falso ideologico. La specializzazione post laurea in restauro monumentale, dunque, sarebbe stata falsamente attribuita al professionista: grazie a questo falso titolo, l’ingegnere Carluccio ha avuto il via libera per l'intervento sullo storico edificio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La strage del Covid-19: muore nella notte 33enne incinta, Nocera piange Veronica

  • Nuovo Dpcm 3-4 dicembre: cosa cambierà, le anticipazioni

  • In arrivo nubifragi in Campania: le previsioni meteo per Salerno e provincia

  • Beccato alla guida senza mascherina: multato conducente in autostrada

  • Ospedale di Scafati, parla un paziente Covid: "Miracoli fatti in Campania? Qui mancano i caschi"

  • Lutto a Buonabitacolo: muore a 35 anni l'Appuntato Scelto Luca Ferraiuolo

Torna su
SalernoToday è in caricamento