rotate-mobile
Giovedì, 2 Febbraio 2023
Cronaca Nocera Inferiore

Pazienti senza riabilitazione al Distretto 60: scendono in campo anche Cittadinanzattiva Campania e l’assessore Sessa

Lorenzo Latella, segretario di Cittadinanzattiva Campania e l’assessore Sessa scrivono al direttore del Distretto per chiedere di autorizzare le terapie

Per i pazienti senza riabilitazione al Distretto 60, arriva il sostegno alle famiglie anche da parte di Lorenzo Latella, segretario di Cittadinanzattiva Campania e dell’assessore Sessa che scrivono al direttore del Distretto per chiedere di autorizzare le terapie.

La lettera a firma di Lorenzo Latella:

“E’ di questi giorni la notizia dell’interruzione dei piani terapeutici riabilitativi a danno di 93 pazienti attual­mente in carico presso Villa Dei fiori (64 minori e 27 adulti), ad opera del Distretto 60 da lei diretto. Tale decisione ci pone in un forte stato di agitazione, unitamente alle forze sindacali e ad altre Associazioni di tutela dei pazienti innanzitutto perché la percepiamo come un danno per i pazienti e i loro familiari che vedranno vanificare i risultati  di salute raggiunti in questi anni con estremi sacrifici, ma anche perché è una vicenda simbolica di come il servizio sanitario si sia completamente appiattito sulle logiche economiche piuttosto che sul benessere dei pazienti e dei cittadini. Pur consapevoli che una tale decisione non deriva da una sua volontà personale ma da una difficoltà gestionale delle scarse risorse in ambito sanitario, siamo altrettanto convinti che interrompere le terapie non possa rappresentare una soluzione ma un danno per i pazienti e per l’intera azione del Distretto 60.

Dobbiamo, tutti insieme, adoperarci in uno sforzo comune per individuare una soluzione in grado di garantire il rispetto del diritto alla salute superando gli impedimenti burocratici ed economici che motivano l’ingiustificabile decisione intrapresa. Cittadinanzattiva è disposta a sostenerla in un percorso di concertazione con le istituzioni regionali e con i vertici dell’Asl Salerno per scongiurare tale interruzione e per affrontare, una volta per tutte e in modo organico e sistemico, il complicato percorso riabilitativo dedicato a questa particolare categoria di pazienti”.

Intanto, l’assessore di Pagani, Pietro Sessa  denuncia  che “il diniego delle cure a pazienti gravi e fragili, per la maggior parte bambini, non può trovare alcuna giustificazione economica in nome di vincoli di bilancio anche perché l’interruzione delle cure vanificherebbe tutti i risultati ottenuti finora e comporterebbe il peggioramento dello stato di salute dei pazienti con ulteriori aggravi di spesa a carico del bilancio pubblico”. Da qui l'invito a superare ogni vincolo burocratico e autorizzare le cure. Continua intanto la mobilitazione dei familiari dei pazienti, in particolare delle mamme dei bambini rimasti senza cure.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pazienti senza riabilitazione al Distretto 60: scendono in campo anche Cittadinanzattiva Campania e l’assessore Sessa

SalernoToday è in caricamento