Odori nauseabondi a Pellezzano: ok dell'Arpac al monitoraggio dell'aria

Il sindaco Morra: "Il monitoraggio dell’aria mediante un laboratorio mobile rappresenta uno strumento efficace per cercare di individuare la provenienza di queste esalazioni"

Istanza accolta. L’Arpac Campania, a seguito della richiesta presentata dal sindaco di Pellezzano Francesco Morra, che ha acquisito una petizione dei cittadini riguardo la persistenza (durante la notte) nella frazione Cologna di miasmi, di provenienza ignota, si è resa disponibile ad effettuare un sopralluogo tecnico con il personale dell’Ente presso i luoghi indicati nella denuncia per verificare la loro idoneità al monitoraggio dell’aria con laboratorio mobile.

L’inquinamento

I miasmi segnalati nella zona urbana interessata hanno reso l'aria irrespirabile, provocando finanche una intollerabile alterazione della funzione respiratoria con diretto pregiudizio alle alte vie aeree. Il primo cittadino, nella circostanza, provvide ad inoltrare una richiesta di intervento all’Arpac Dipartimento Provinciale di Salerno, alla Prefettura di Salerno, al Comando Carabinieri Nas Salerno, all’Ausino SpA, informando anche il Comando di Polizia Municipale Comune di Pellezzano e l’Ufficio Ambiente Comune di Pellezzano, ciascuno per le proprie competenze in riferimento al disagio indicato.

Il commento di Morra:

“Siamo lieti di aver ricevuto un perentorio riscontro da parte dell’Arpac riguardo la nostra richiesta di intervento. Il monitoraggio dell’aria mediante un laboratorio mobile rappresenta uno strumento efficace per cercare di individuare la provenienza di queste esalazioni. Si è reso necessario porre in essere, ferma la competenza degli Uffici Comunali preposti, un'azione sinergica affinchè si pervenga all'individuazione dell'area di propagazione dei miasmi, all'accertamento degli elementi che li generano e non meno della natura degli stessi al fine di scongiurare un pericolo grave ed attuale per la salute e la pubblica incolumità e non meno per garantirne la cessazione, perseguendo quanti se ne siano resi responsabili specie ove conseguenza di attività illecita per violazione di norme di legge e/o regolamentari. Il Sindaco e i competenti Uffici Comunali si sono dichiarati disponibili ad eseguire ogni azione necessaria per la rimozione del disagio, mostrando la massima collaborazione con l’Arparc e la massima attenzione nei confronti dei residenti della frazione di Cologna che sono costretti a subire le esalazioni nauseabonde che rendono complicata la permanenza in quella specifica area”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Campania, parte la zona gialla "rinforzata": ecco cosa si potrà fare (e cosa no)

  • Nuovo Dpcm e zona gialla per la Campania: ecco le nuove regole da rispettare

  • Nuovo Dpcm 15 gennaio: ecco cosa dovrebbe cambiare anche in Campania, nelle zone gialle riaprono i musei

  • In Campania il numero dei vaccinati è maggiore dei vaccini arrivati: la Regione si affretta a chiarire

  • Strada ghiacciata, incidente a catena in autostrada a Pontecagnano: quattro i feriti

  • Vaccino ad amici e parenti, indaga la Procura di Salerno: intervengono i Nas

Torna su
SalernoToday è in caricamento