Sabato, 13 Luglio 2024
Cronaca Castelcivita

Si torna a pescare nei fiumi Calore e Sabato: l'ira delle associazioni contro la Regione Campania

L'amministrazione regionale, guidata dal presidente De Luca, ha revocato il divieto di pesca

La Regione Campania ha revocato il divieto di pesca, ripristinando dopo undici anni tale attività nei fiumi Calore e Sabato. A questo si sono opposte sedici associazioni, che con precise argomentazioni - supportate anche da documentazione fotografica - hanno manifestato il loro disappunto, chiedendo la revoca immediata del provvedimento che ha consentito la riapertura della pesca.

I destinatari 

La richiesta è stata indirizzata agli enti di seguito riportati: Regione Campania, Assessorato Agricoltura; Direzione Generale Politiche agricole, alimentari e forestali; UOD Gestione delle risorse naturali protette, tutela e salvaguardia dell'habitat costiero, parchi e riserve naturali; Direzione generale per l'ambiente, la difesa del suolo e l'ecosistema; Presidente del Parco Regionale dei Monti Picentini; sindaci di Montella e Serino, in quanto responsabili della salute pubblica dei cittadini.

Le criticità: 

“La vita dei nostri fiumi è a rischio. Negli ultimi anni le problematiche ambientali che incombono sull'intero ecosistema fluviale hanno assunto proporzioni inaccettabili.I nostri corsi d'acqua patiscono da lungo tempo l'assenza del loro minimo deflusso vitale, che dovrebbe essere consentito per legge. In aggiunta si segnalano le gravi criticità degli impianti di depurazione, che specialmente nella stagione estiva mostrano tutti i loro limiti di funzionamento. Varie discariche abusive e forme di turismo come l'acqua-trekking e la balneazione sono devastanti per questi delicati habitat. Per non parlare dei lavori che vengono effettuati nel corso fluviale e sulle sponde che hanno in molti tratti completamente distrutto e modificato l'alveo e la fascia riparia”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si torna a pescare nei fiumi Calore e Sabato: l'ira delle associazioni contro la Regione Campania
SalernoToday è in caricamento