Sabato, 20 Luglio 2024
Cronaca Amalfi

Piano traffico in Costiera, Vicinanza (Filp Cisal): “Si sono persi tre anni e ci troveremo con le strade paralizzate"

L'appello del sindacalista al Prefetto Russo: "Non possiamo ritrovarci con autobus, vetture e mezzi pesanti una Costiera paralizzata dalla mancanza di dialogo da parte delle istituzioni"

"Sul Piano traffico in Costiera si sono persi tre anni". Lo denuncia Gigi Vicinanza della Filp Cisal provinciale, che interviene sul Piano traffico per la statale Amalfitana tra targhe alterne e divieti ai bus turistici. 

Le critiche 

Il sindacalista spiega: "A causa dell'emergenza Covid, i sindaci avevano tutto il tempo per approntare un provvedimento che tenesse conto di tutte le esigenze del territorio, dei suoi abitanti e del tessuto economico che c'è nella Divina. Invece, si è pensato ad altro e ora il risultato è che ogni sindaco, a piacimento, chiude le strade come se fosse il giardino della propria abitazione o attuare il sistema delle targhe alterne. L'estate, da calendario, non è ancora iniziata. Ma se il buongiorno si vede dal mattino, ci ritroviamo di fronte all'ennesima frittata realizzata da sindaci".

Per Vicinanza "pensavo di averle viste tutte ma quanto sta accadendo è paradossale. Da anni si sta discutendo di trovare un'intesa, ma non c'è la volontà reale di volerlo fare. Nemmeno lo stop obbligatorio del Covid ha permesso agli amministratori locali della Costiera amalfitana di trovare un'idea comune su cui lavorare. Ancora una volta, non si sta pensando alle aziende, di qualsiasi settore, che hanno sede nel comprensorio". Da qui l'appello al prefetto di Salerno, Francesco Russo: "Non possiamo ritrovarci con autobus, vetture e mezzi pesanti una Costiera paralizzata dalla mancanza di dialogo da parte delle istituzioni. Guardare il proprio orticello è davvero sbagliato. Il prefetto intervenga".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piano traffico in Costiera, Vicinanza (Filp Cisal): “Si sono persi tre anni e ci troveremo con le strade paralizzate"
SalernoToday è in caricamento