menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Piazza Alario, no al parco giochi: presidio serale dei cittadini

"Invitiamo tutti a partecipare all'iniziativa di protesta, in programma giovedì 3 settembre in piazza Alario dalle ore 18 alle 21". Termina con queste parole l'appello del Comitato "Salviamo Piazza Alario", sottoscritto anche da altre associazioni

"Invitiamo tutti a partecipare all'iniziativa di protesta, in programma giovedì 3 settembre in piazza Alario dalle ore 18 alle 21". Termina con queste parole l'appello del Comitato "Salviamo Piazza Alario", sottoscritto anche dalle associazioni Liberamente Insieme, Salviamo gli Alberi e Io Salerno; Italia Nostra Salerno; Legambiente Salerno, Figli delle Chiancarelle.

I dettagli

I cittadini chiedono solidarietà a tutti "per impedire che il Comune trasformi Piazza Francesco Alario in un parco giochi recintato, con il pavimento sintetico e tanti giochi di plastica, strappandolo alla sua natura di area verde a cui sono stati tolti, negli ultimi anni, alberi ed aiole e che era già stato destinato a parcheggio interrato, se il progetto non fosse stato bloccato in extremis dalla protesta al TAR dei residenti, nel 2017. A tre anni da quella battaglia civica, dopo che il Comune di Salerno ha ripetutamente ignorato le richieste avanzate dal Comitato ‘Salviamo Piazza Alario’ e le proposte di linee guida che salvaguarderebbero l’area verde e la storica funzione ospitale della piazza, nello scorso mese di agosto un gruppo di 24 salernitani ha sottoscritto una richiesta di autotutela inviata alla Procura della Repubblica, alla Sovraintendenza e al TAR, per chiedere la sospensione dei lavori del parco giochi per le numerose infrazioni che riteniamo di aver rilevato nella procedura di assegnazione dei lavori - scrivono le associazioni - L’ingente somma devoluta dal Comune a questa operazione e chiesta al Governo a titolo di ‘realizzazione di un piccolo parco giochi’, di fatto stravolgerà l’area, dividendola in due parti e destinandola in grandissima parte ad uso diverso da quello originario, nonostante l’area sia protetta da vincolo culturale e ambientale. L’uso dei fondi chiesti dal Comune, le modalità di attribuzione di detti fondi e il rischio della riproposizione della prospettiva di un parcheggio sotterraneo".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Segnalazioni

Degrado a Salerno: persone rovistano di notte nei rifiuti, la denuncia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento