Lunedì, 18 Ottobre 2021
Cronaca

De Luca si commuove e annuncia: "Piazza sul mare più grande d'Europa, quest'anno faremo Luci d'Artista"

L'accesso è previsto dal lato spiaggia di Santa Teresa. Il primo spicchio di piazza che sarà possibile visitare è l'area giardino con il caratteristico allestimento costituito da gocce rosse

Attesa e folla di curiosi: è tutto pronto per l'inaugurazione di Piazza della Libertà. I cronisti attendono di accedere ai metri "nei quali abbiamo fatto la rivoluzione - ha più volte detto il presidente della Regione Campania - e che ci sono costati sacrifici, salute". Alle ore 16.37, è arrivato in Piazza anche il sindaco Vincenzo Napoli, subito seguito dal presidente dell'amministrazione provinciale, Michele Strianese, e dal sindaco del Comune di Baronissi, Gianfranco Valiante. Ci sono doppie recinzioni da superare, per motivi di sicurezza: i famosi betafence, che i tifosi della Salernitana hanno più volte visto posizionare allo stadio. L'accesso è previsto dal lato spiaggia di Santa Teresa. Il primo spicchio di piazza che sarà possibile visitare è l'area giardino con il caratteristico allestimento costituito da gocce rosse. 

Taglio del nastro con De Luca

Passeggiata veloce, quasi a passo di carica, come a voler bruciare tempi e tappe ormai raggiunti che lo separano dall'obiettivo. Dopo l'applauso che lo accoglie e il taglio del nastro che lo accompagna con un eloquente "ecco qua", Vincenzo De Luca, presidente della Regione Campania, sale alle ore 17 in punto sul palco allestito in Piazza della Libertà. Alle sue spalle, due scritte: "Fieri di Salerno" e "La piazza più bella".

IL VIDEO DI DE LUCA 

Il sindaco

Introduce il sindaco Napoli. "La piazza è stata consegnata al Comune di Salerno. È una piazza cittadina, ma è una piazza diversa, speciale. Con emozione la apro ai miei concittadini ed a quanti vorranno visitarla". Alle sue spalle, un video di "com'era e com'eravamo": una Salerno diversa. E poi... adesso "com'è", cioè com'è diventata Salerno e questo pezzo di città. I parcheggi, la balconata che affaccia sul mare. De Luca applaude ma non guarda il video. Spalle alla scenografia fieri di Salerno, mascherina sul volto, il governatore è visibilmente emozionato e rivolge lo sguardo - a perdita d'occhio - verso il lungomare, il nuovo scenario. 

L'INTERVISTA AL SINDACO 

Il governatore si commuove e parla delle Luci

"Sono passati 15 anni da quando l'abbiamo immaginata. Sono stati anni pesanti per me, per i miei figli Piero e Roberto". Si ferma e piange, Vincenzo De Luca. "Quindici anni per sognare una città diversa e realizzata, per fare di una città media una città europea, per aprirsi la strada...". Si ferma di nuovo, tra gli applausi scroscianti. I salernitani sono in piedi ad applaudirlo, mentre la voce resta strozzata in gola." Questo pezzo di città era proibito ai nostri concittadini, questo pezzo di lungomare si fermava sul muro del Jolly. Salerno è una città senza piazza e anche la piazza della Rotonda neppure lo era, perché alle 15 c'erano gli spacciatori e piazza della Concordia era un aeroporto. Volevamo una piazza che desse una identità moderna. Questa piazza, adesso, sarà ricordata nei secoli. C'era un primo progetto di Bohigas che chiudeva la piazza verso il mare. Ho detto che non era possibile, abbiamo cambiato tutto: concorso di idee, piazza aperta verso il mare, il parcheggio. C'era l'idea di due piani di parcheggio ma abbiamo visto che il rapporto costi-benefici era improponibile perché abbiamo lavorato sull'acqua. Avevamo depositi di legno e di marmo, stecche di baracca, non avevamo. Il fronte di mare perché avevamo la scuola Barra e la mattina trovavamo siringhe e altre cose notturne. C'erano i magazzini generali, pelli, i liquami. Abbiamo raso al suolo tutto per avere un'area enorme nella quale fare una piazza dignitosa e bella. Il mio pensiero va a Bofil, che è uscito dall'ospedale stamattina: sarebbe stato qui con noi. Abbiamo progettato e presentato il plastico dell'opera dappertutto, ai nostri concittadini. Poi è cominciato il calvario, siamo l'Italia: ricorsi, controricirsi, le palle e le pippe. Non dovevamo chiudere il mare...Prima era chiuso dalle segherie, non ora. Questa piazza ha una superficie di 28mila metri quadri - la superficie di Piazza San Pietro - ma con le aree di ingresso può arrivare a 40mila metri quadri e ospitare 100mila persone. È la più grande piazza d'Europa, sul mare. Adesso vedete solo le vetrate - saranno pronti la prossima estate - ma presto ci saranno i negozi. Abbiamo regalato altri 500 metri di lungomare. Abbiamo lavorato in questi anni per realizzare scogliera e opere di protezione, abbiamo immaginato i giardini dove sonoe palme ma sono gli ingressi ai parcheggi interrati. L'Enel sta portando per la fornitura elettrica di piazza della Libertà. I parcheggi saranno attivi tra 40 giorni, prima delle Luci d'artista, mi auguro. Faremo Luci d'artista, quest'anno".

 

Battuta finale di Vincenzo De Luca: "Ahó, che cosa è successo? Ho avuto un momento di cedimento ma è tutto ok: sono la carogna di sempre...". Alle istruzioni: "Questa è la piazza dei salernitani, è la piazza degli uomini liberi da potentati politici. La piazza va liberata alle ore 22. Ci sono tremila sedie e altre duemila dovranno arrivare. Cinquemila posti e ingresso libero, fino ad esaurimento, con mascherina. Abbiamo messo anche i posacenere: ci siamo permessi per i tangheri. Nessuno si permettesse di buttare mozziconi di sigaretta a terra: non si tolgono più, che Dio lo maledica. Ai salernitani dico: non dobbiamo scambiarci niente ma negli anni e nei decenni ricordate ai figli ed ai figli dei vostri figli che tutto questo c'è e ci sarà perché c'è stato uno che ha avuto il coraggio di andare avanti senza fermarsi davanti a niente e a nessuno".

IL VIDEO DELLA PIAZZA 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

De Luca si commuove e annuncia: "Piazza sul mare più grande d'Europa, quest'anno faremo Luci d'Artista"

SalernoToday è in caricamento