Blitz della Guardia Costiera a Pisciotta: scoperto un frantoio non a norma

Dai primi accertamenti è stato riscontrato che la ditta svolgeva l’attività di spandimento delle acque di vegetazione, ossia degli scarti prodotti dall’attività di molitura, in maniera difforme da quanto previsto dalla normativa

Blitz del nucleo operativo protezione ambientale dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Palinuro e dei tecnici dell’Arpac di Salerno all’interno di un frantoio oleario situato nel comune di Pisciotta.

Le indagini

Dai primi accertamenti è stato riscontrato che la ditta svolgeva l’attività di spandimento delle acque di vegetazione, ossia degli scarti prodotti dall’attività di molitura, in maniera difforme da quanto previsto dalla normativa e da quanto dichiarato dagli stessi gestori dell’attività nella comunicazione preventiva presentata al Comune. In particolare, è stato rilevato che sia sui terreni autorizzati allo spandimento, sia in terreni limitrofi non autorizzati, si erano create zone paludose e fenomeni di ruscellamento, il tutto a poca distanza da un canale di scolo che porta direttamente al mare. Tali problematiche - fanno sapere dalla Guardia Costiera - sono dovute alla “scarsa tenuta sia delle tubazioni, che delle vasche di contenimento, le quali riversavano gli scarti di produzione direttamente su nudo terreno”.

Il secondo blitz

Per emettere tutti i provvedimenti di loro competenza, i militari hanno effettuato un altro sopralluogo insieme ai tecnici comunali, al termine del quale è emerso che l’attività di spandimento delle acque di vegetazione avveniva in maniera difforme rispetto alla normativa vigente in materia che prevede che i reflui debbano essere sparsi in maniera uniforme, solo su terreni autorizzati con l’assoluto divietato di creare ruscellamenti e stagnazioni. Per escludere un’eventuale contaminazione della matrice ambientale, quindi, il sindaco di Pisciotta ha emanato l’ordinanza di sospensione dello spandimento delle acque di vegetazione nei siti. Sono ancora in corso accertamenti per risalire a tutte le violazioni penali da imputare alla ditta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm e zona gialla per la Campania: ecco le nuove regole da rispettare

  • Nuovo Dpcm 15 gennaio: ecco cosa dovrebbe cambiare anche in Campania, nelle zone gialle riaprono i musei

  • In Campania il numero dei vaccinati è maggiore dei vaccini arrivati: la Regione si affretta a chiarire

  • Strada ghiacciata, incidente a catena in autostrada a Pontecagnano: quattro i feriti

  • Ritorno a scuola, De Luca firma la nuova ordinanza: ecco cosa prevede

  • Vaccino ad amici e parenti, indaga la Procura di Salerno: intervengono i Nas

Torna su
SalernoToday è in caricamento