Pistola elettrica ai vigili urbani: l’appello della Csa al prefetto Malfi

Il segretario Rispoli: "Si punti a entrare nella sperimentazione prevista dal Viminale. Ma i problemi restano. La Notte Bianca di Salerno ha visto circa otto persone operare dopo la mezzanotte. Così non si può andare avanti”

Dare il via alla sperimentazione della pistola elettrica ai corpi delle Polizie Municipali della provincia di Salerno. A chiederlo al prefetto Salvatore Malfi è il segretario generale della Csa provinciale Angelo Rispoli: “Sarebbe positivo essere nel progetto pilota voluto dal Viminale. D’altronde - spiega - la provincia salernitana è una delle più vaste in Italia, con gli agenti dei corpi Municipali sempre chiamati a interventi tesi a garantire l’ordine pubblico. Non è un atteggiamento populista, ma anzi si può e si deve discutere di qualcosa che può solo far bene sull’aspetto della sicurezza. Non dimentichiamoci che ci sono città nel Salernitano dove gli agenti a volte non superano il numero delle due unità. Come si fa a garantire la tranquillità ai residenti? La pistola elettrica darebbe anche più sicurezza agli stessi lavoratori”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La polemica

Tuttavia, non mancano le polemiche: “Se da un lato il Governo doterà gli agenti municipali della polizia elettrica, dall’altro lato – tuona Rispoli - non possono accedere allo Sdi, il Sistema d’indagini che è la banca dati delle forze dell’ordine. Non parliamo poi della mancanza di tutele che, invece, ad altri lavoratori impegnati nel garantire la sicurezza dei cittadini sono riconosciuti. Ecco perché dal Governo ora ci aspettiamo un altro segnale. A partire dai concorsi pubblici che prevedano nuove assunzioni”. Infine, la stoccata sul Comune di Salerno: “La Notte Bianca, sotto il piano operativo, si è svolta nel migliore dei modi. Ma tutto solo e grazie all’impegno della Municipale, che dopo la mezzanotte di domenica ha operato con circa otto unità per garantire la sicurezza di tantissime persone presenti agli eventi organizzati. Se questo è l’anticipo d’estate significa che stiamo messi male” conclude il sindacalista.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni 2020 in Campania: lo spoglio e i risultati/La diretta

  • Posticipato l'inizio della scuola in 12 comuni salernitani, l'elenco si allunga

  • Inizio dell'anno scolastico: 1° campanella il 28 settembre in altri 7 comuni salernitani

  • "Oggi voti? Certo, dopo il matrimonio mi reco al seggio": curiosità a Sassano per gli "sposi elettori"

  • Elezioni amministrative 2020: la diretta dello spoglio, i risultati

  • Elezioni regionali 2020: ecco chi è mister preferenze a Salerno città, i più votati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento