Venerdì, 14 Maggio 2021
Cronaca

Salma cremata a Pontecagnano: in sette finiscono sotto inchiesta

All’inizio doveva essere solo una causa per il riconoscimento giudiziale della paternità, adesso però la vicenda è arrivata invece sulla scrivania della magistratura penale. Lo rivela La Città

"Che i morti riposino in pace". Di solito è questa la frase che si pronuncia quando una persona viene a mancare. Ma a volte capita che quest'ultima, nonostante non sia più tra i vivi,  finisca al centro di querelle giudiziaria familiare. E' quello che sta accadendo a Pontecagnano. Come rivela il quotidiano La Città all’inizio doveva essere solo una causa per il riconoscimento giudiziale della paternità,da svolgere davanti ai Tribunali per i minorenni; adesso però la vicenda,  che contrappone una mamma di 42 anni agli eredi di un uomo che di anni ne aveva trenta di più, è arrivata invece sulla scrivania della magistratura penale, coinvolgendo sette persone che rischiano di dover affrontare un processo per violazione della normativa sulla cremazione.

Nel mirino ci sono la vedova e i due figli del deceduto (una persona molto nota in città per aver ricoperto funzioni pubbliche di prestigio), i tre funzionari del Comune di Pontecagnano che hanno autorizzato l’incenerimento della salma e il medico necroscopo accusato di non aver eseguito il preventivo prelievo del materiale biologico, che avrebbe consentito l’accertamento del consulente tecnico sulla paternità.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Salma cremata a Pontecagnano: in sette finiscono sotto inchiesta

SalernoToday è in caricamento