Cronaca

Porta Ovest, summit tra Spirito e sindacati: si va verso la cassa integrazione

Al centro della discussione la vertenza dei lavoratori, l’avanzamento dell’opera e soprattutto il commissariamento dell’azienda Tecnis, che ha comportato l’inserimento della società consortile Salerno Porta Ovest nell’amministrazione straordinaria

Questa mattina si è tenuto incontro tra  l’Autorità Portuale di Salerno, rappresentata dal commissario Pietro Spirito e le organizzazioni sindacali di categoria di Feneal-Uil Filca -Cisl e Fillea Cgil. Al centro della discussione il futuro del grande cantiere di Salerno Porta Ovest: la vertenza dei lavoratori, l’avanzamento dell’opera e soprattutto il commissariamento dell’azienda Tecnis, che ha comportato l’inserimento della società consortile Salerno Porta Ovest nell’amministrazione straordinaria. Per questo ai lavoratori, a breve, sarà concessa la cassa integrazione.

“Anche se questa notizia darà una boccata di ossigeno (non tralasciando che i lavoratori vantano  cinque mensilità arretrate ) – si legge in una nota - non sfugge a tutti noi che il lavoro, come già accaduto nel 2016, subirà un forte rallentamento. L’Autorità, nella persona del dott. Messineo ha evidenziato la preoccupazione che la importante e strategica opera della galleria possa non essere completata entro il 2020, proprio a tal proposito è stato sollecitato un incontro urgente ,entro fine luglio, al commissario Ruperto (che a causa dei suoi molti impegni oggi non è potuto essere presente)” .

L’autorità, fine, si è resa disponibile ad incontrare nuovamente le parti sociali non appena il Ruperto esporrà le sue intenzioni.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Porta Ovest, summit tra Spirito e sindacati: si va verso la cassa integrazione

SalernoToday è in caricamento