rotate-mobile
Mercoledì, 22 Maggio 2024
Cronaca Pastena

Porticciolo di Pastena: il costruttore contro "le false informazioni"

I legali procederanno a querelare quanti hanno diffuso "notizie false ed infamanti", con una richiesta di risarcimento

Esausta, la famiglia Ilardi, dopo le innumerevoli iniziative promosse dal comitato in difesa del porticciolo di Pastena che, da mesi, si oppone al progetto di riqualificazione del nuovo porto. Annuncia procedimenti legali contro chi "diffonde false informazioni", dunque, il costruttore. Secondo Ilardi,  tra le principali inesattezze diffuse in questi giorni, quella che accusa il Porto di sottrarre spazi pubblici ai cittadini: "Oggi nell’area interessata dal progetto esistono meno di 590 mq di spazi pubblici attrezzati, e cioè quelli, peraltro degradati, dell’attuale terrazzamento del porticciolo. Il Porto Turistico di Pastena consente di creare circa 30.000 mq di spazi pubblici attrezzati liberamente accessibili ai cittadini per il loro tempo libero: 50 volte quelli attuali.", spiegano dal Polo Nautico.

Secondo il comitato, inoltre, il progetto gode di contributi pubblici. "Falso - incalza Ilardi - Non vi è un solo euro di contributi pubblici. E’ completamente assurdo, del resto, pensare che nell’attuale contesto economico vi possa essere tale possibilità. Il Porto di Pastena non riduce, inoltre, il panorama: oggi, infatti, si può godere il panorama solo dall’attuale terrazzamento del porticciolo e cioè per circa 40 m. Il resto del litorale interessato dal progetto non ha attualmente un Lungomare pedonale. Il Porto Turistico di Pastena crea oltre 1.000 metri di nuovo Lungomare panoramico liberamente accessibile ai cittadini: 25 volte quelli attuali".

"Il Porto Turistico di Pastena -continuano dal Polo Nautico - significa: investimenti per dare ossigeno all’economia, duecento posti di lavoro, una grande azienda per Salerno non delocalizzabile all’estero, sviluppo del turismo a beneficio di Salerno ed in particolare della zona orientale della città e riqualificazione urbanistica del litorale orientale, con conseguente incremento del pregio e del valore degli edifici circostanti".

"Irreale ed irresponsabile", infine, secondo Ilardi  "danneggiare l’immagine di un’opera in grado di trasformare un tratto di litorale, oggi sconosciuto al di fuori dei confini cittadini, in un sito turistico di rilevanza internazionale del tutto simile alla Costa Azzurra". I legali, dunque, procederanno a querelare quanti hanno diffuso notizie false ed infamanti, con una richiesta di risarcimento dei danni morali, di immagine e materiali che "tali soggetti stanno arrecando alla società promotrice dell’intervento", hanno concluso dal Polo Nautico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Porticciolo di Pastena: il costruttore contro "le false informazioni"

SalernoToday è in caricamento