Povertà e disagio sociale: dati preoccupanti dalla ricerca nei quartieri S.Eustachio ed Europa

Saranno presentati lunedì 22 giugno alle 10:30, presso la Parrocchia di Sant’Eustachio, i risultati dell’indagine pilota condotta nei due rioni. Sarà presente l’assessore Savastano

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di SalernoToday

Si è conclusa la prima fase della ricerca condotta nei quartieri Sant’Eustachio ed Europa - tra i più colpiti in città dalla crisi divampata a causa del blocco delle attività lavorative dovuto alla pandemia - al fine di analizzare le dinamiche di povertà e disagio sociale rilevate. I dati verranno presentati nel corso di una conferenza stampa, che si terrà lunedì 22 giugno alle 10:30, presso la Parrocchia di Sant’Eustachio (Via Quintino di Vona), alla presenza dell’assessore alle Politiche Sociali del Comune di Salerno, Nino Savastano. Il lavoro di indagine preliminare - realizzato nei mesi di aprile e maggio da un team composto dalla Parrocchia di Sant’Eustachio e dalla squadra di rugby popolare Zona Orientale, a cui ha contribuito anche la Parrocchia Gesù Redentore, e con il supporto metodologico dell’Osservatorio Politiche Sociali dell’Università di Salerno, offre una panoramica sulle condizioni socio-economiche in cui versano le famiglie più disagiate della zona, che si sono rivolte alle Caritas parrocchiali durante l’emergenza Covid- 19 per ricevere generi alimentari e di prima necessità. L’obiettivo è fornire a istituzioni, imprese e realtà del Terzo Settore una prima chiave di lettura per elaborare strategie condivise di contrasto alla povertà e all’esclusione sociale. In apertura di conferenza stampa i saluti di Don Nello Senatore e Don Ciro Torre, a seguire gli interventi della professoressa Rossella Trapanese, responsabile dell’Osservatorio Politiche Sociali UniSa, e di Lambros Andreou, attivista della Zona Orientale Rugby che ha coordinato la somministrazione dei questionari. “Dopo aver fronteggiato la pesante crisi legata al lockdown distribuendo oltre 1.200 pacchi, abbiamo focalizzato i nostri sforzi – afferma Don Nello Senatore - nel far emergere le situazioni di maggiore povertà e marginalità sociale presenti nei quartieri oggetto dell’indagine, al fine di offrire un aiuto più mirato e rispondente ai bisogni emersi. Nel ringraziare tutti coloro i quali, a vario titolo, hanno contribuito nel fitto lavoro, evidenziamo, ad esempio, l’importanza di intraprendere una strada culturale, soprattutto per i più giovani”. L’indagine, che ha interessato 112 nuclei familiari per un totale di 489 persone (il 22% del totale dei richiedenti aiuti alimentari) sará divisa in 3 parti. Nella prima verrà descritto il campione di riferimento e la sua composizione; nella seconda si analizzeranno le condizioni lavorative ed assistenziali dei soggetti intervistati; nella terza verranno esposti, tramite l’ “approccio delle capabilities”, i bisogni evidenziati dagli intervistati.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento