rotate-mobile
Sabato, 15 Giugno 2024
Cronaca Fisciano

Unisa, convegno sul problema della sperimentazione animale: presidio degli attivisti

Veg in Campania, Lav Salerno e Venganch'io Cavese saranno presenti con un volantinaggio informativo

“Bioertica, scienza a tutela della salute: il problema della sperimentazione animale”: questo il titolo del convegno che si terrà mercoledì 11 giugno, presso l’Aula delle Lauree di Scienze Politiche dell’Università degli Studi di Salerno. Attivisti di Veg in Campania, Lav Salerno e Venganch'io Cavese saranno presenti con un volantinaggio informativo sulla legge n. 413/93 - “Norme sull'obiezione di coscienza alla sperimentazione animale" e con il relativo modulo sull'obiezione di coscienza.

"L'invito rivolto agli studenti è di scegliere metodi alternativi, guardando oltre la comodità di un metodo di studio ormai superato, sbagliato tante volte nelle conclusioni e ancor più nella premessa, ossia quella che si possano adoperare gli animali a nostro uso e consumo, non riconoscendogli lo status di soggetti, di essere senzienti. - spiegano gli animalisti - Da un punto di vista scientifico nessun animale è un modello attendibile per l'uomo. La sperimentazione animale favorisce le carriere universitarie, basate sul numero di pubblicazioni prodotte, essendo gli esperimenti sugli animali la via più facile e veloce".

Secondo gli animalisti, inoltre, i test effettuati su animali garantiscono un'irrinunciabile copertura legale alle case farmaceutiche, tutelandole in caso di inaspettati effetti nocivi sull'uomo di nuovi farmaci immessi sul mercato. Ma per gli attivisti l'argomentazione più valida resta quella morale: qualunque etica si fermi ai confini dell’umano è incompleta ed insufficiente a definirci rispettosi degli altri. Non si può sostenere l’utilità e la validità della sperimentazione animale da un punto di vista scientifico se tale pratica non è supportata da valide ragioni etiche. Dopotutto, se non sperimentiamo su esseri umani lo facciamo solo su presupposti etici, a prescindere da una giustificabilità scientifica di qualsiasi tipo. Sono dodici milioni solo in Europa gli animali che vivono negli stabulari delle Università e dei centri di ricerca, concludono ribadendo il loro "no" alla vivisezione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Unisa, convegno sul problema della sperimentazione animale: presidio degli attivisti

SalernoToday è in caricamento