"Salerno contro la legge insicurezza", incontro con il Prefetto: ecco le richieste

Un presidio è stato organizzato anche a Salerno per chiedere ai vertici di Palazzo di Governo, nell’immediato, di sospendere ogni procedura che lasci persone per strada

Almeno cento persone in provincia di Salerno e non meno di 500 in regione Campania rischiano di trovarsi per strada all’inizio del 2020. Questa situazione si potrebbe verificare come effetto della combinazione tra il decreto sicurezza 113 del 2018, che ha cancellato la protezione umanitaria per le persone richiedenti asilo e limitato l’accoglienza nei centri di competenza comunale, e due circolari del Dipartimento per le libertà civili e l’immigrazione del 18 e 19 dicembre relative ai centri di accoglienza ex sprar – siproimi. Si tratta di una decisione che andrebbe a colpire indistintamente famiglie con bambini già inseriti in percorsi scolastici e persone con condizioni di vulnerabilità sociale e sanitaria. Per questo motivo, il Tavolo asilo nazionale ha chiamato alla mobilitazione nella giornata del 27 dicembre presso tutte le prefetture.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il sit in

Un presidio è stato organizzato anche a Salerno dal comitato “Salerno contro la legge insicurezza” per chiedere al Prefetto, nell’immediato, di sospendere ogni procedura che lasci persone per strada. “Questa necessità, insieme a tutte le ragioni di ordine giuridico, è stata rappresentata – si legge in una nota - da una delegazione al dirigente della Prefettura di Salerno Vincenzo Amendola”. In particolare, è stata ribadita la necessità di “abrogare i decreti (in)sicurezza e ripristinare i progetti Sprar, gli unici in grado di garantire l'esercizio dei diritti fondamentali che la nostra costituzione riconosce a tutti, anche agli stranieri richiedenti protezione internazionale. È stato sottolineato, inoltre, come queste circolari non tengano conto delle sentenze dell’ultimo anno che hanno smantellato quei decreti”. Di conseguenza, la Prefettura di Salerno è stata invitata a segnalare al Ministero “l'infondatezza e l'illegittimità di quelle circolari. Nei prossimi giorni la rete di gruppi e associazioni, già in passato mobilitata attraverso la rete Salerno contro i decreti (in)sicurezza, continuerà a vigilare affinché non ci siano violazioni di diritti. La stessa rete invita gestori ed operatori dei centri sprar alla tutela delle condizioni soggettive, non lasciando nessuna persona per strada o oggetti di trasferimenti coatti”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bimbo con la febbre: la mamma non aspetta il tampone e lo porta in ospedale, entrambi positivi

  • Incidente a Olevano: troppo gravi le ferite, muore 43enne

  • Covid-19: positivo anche un vigile collegato ai casi di Pontecagnano, sospetto di contagio a Cava

  • Violate norme anti Covid: la polizia chiude bar a Salerno

  • Travolte da un'auto su un muretto, amputata la gamba a Giulia: l'amica avvia una raccolta fondi

  • Covid-19: 5 nuovi contagi in Campania, oggi 2 positivi ad Eboli

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento