Prima che ci scappi il morto!

Ora basta!Ci siamo stufati di dover ogni anno ritrovarci con gli stessi problemi senza poter vedere una possibilità di risoluzione. Non vogliamo correre il rischio di dover piangere la scomparsa di qualche nostro concittadino, per colpa di chi non affronta con le dovute energie il problema per risolverlo!Chi deve prendere le decisioni in merito? La Gori? Il Comune? La Provincia? La Regione? Il Governo centrale? Ditecelo, perché noi rivolgeremo a loro le nostre attenzioni e le nostre proteste!

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di SalernoToday

Angri a rischio idrogeologico: stiamo assistendo al progressivo deterioramento del territorio. E’ giunto il tempo di intervenire. Prima che succeda la tragedia la Confesercenti Angri chiede interventi mirati e urgenti sulla rete fognaria e avvia una "Class Action" per denunciare i colpevoli.

Ogni anno, puntuale come una cartella esattoriale, si ripresenta con la venuta dell’autunno, lo stesso problema: alle prime piogge, le strade si allagano, si riempiono di detriti, fango e tutto ciò che la nostra montagna rilascia; i rivi e rigagnoli delle nostre campagne esondano, ricoprendo di acqua spesso putrida, le coltivazioni, le aie, inondando le abitazioni dei residenti; le fogne, incapaci di ricevere il flusso enorme delle acque di superficie, assieme alle acque nere rilasciate dalle abitazioni, rimandano indietro, come un’onda anomala, di tutto e di più, intasando i bagni a livello della strada e molto spesso fino ai primi piani delle abitazioni stesse. Ed i primi a subire questi disagi, sono i commercianti che hanno le loro attività a livello della strada. Fonti accreditate riportano che oltre il 50% dei commercianti di Angri, lamenta problemi di questo genere con l’arrivo delle piogge. È possibile mai che un esercente debba preoccuparsi dei servizi igienici presenti nella sua attività commerciale piuttosto che della clientela?  Come non parlare del Rio Sguazzatoio, dove i residenti della zona circostante convivono costantemente sommersi da melma, fango e detriti.E che dire della deprecabile situazione in cui versa la nuova struttura sanitaria di via Dei Goti. I locali completamente allagati del seminterrato hanno nuovamente costretto il trasferimento della guardia medica e del servizio del 118, provocando forti disagi agli operatori, agli utenti e alla qualità dei servizi. La prima criticità analoga si era verificata già a poche settimane dall'inaugurazione della struttura. E' una vergogna! A chi deve essere imputata la responsabilità di aver evidentemente sottovalutato la possibilità di allagamenti, vista l'ubicazione del Distretto, in caso di precipitazioni? Le autorità competenti hanno il dovere di risolvere con priorità assoluta e interventi immediati  questo grave problema, per garantire  un servizio di prima necessità ad una comunità ormai esausta, colpevole solo di vivere in una città lasciata per decenni all'incuria e al degrado e dove l'eccezionalità è ormai all'ordine del giorno.

Ogni anno si ripete la stessa storia, lamentele, proteste, prese di posizione; e promesse, interventi tampone, sindaco ed amministratori in gambali tra la gente, laddove più evidente è il problema.

Ora basta!

Ci siamo stufati di dover ogni anno ritrovarci con gli stessi problemi senza poter vedere una possibilità di risoluzione. Non vogliamo correre il rischio di dover piangere la scomparsa di qualche nostro concittadino, per colpa di chi non affronta con le dovute energie il problema per risolverlo!

Chi deve prendere le decisioni in merito? La Gori? Il Comune? La Provincia? La Regione? Il Governo centrale? Ditecelo, perché noi rivolgeremo a loro le nostre attenzioni e le nostre proteste!

Per intanto la Confesercenti di Angri invita tutti i commercianti, ed anche i cittadini, che hanno problemi di questo genere, a presentare le loro rimostranze presso la sede cittadina; sarà infatti avviata la procedura per una “Class Action” nei riguardi della Gori, società che oltre a gestire il servizio idrico, si dovrebbe occupare della manutenzione e della funzionalità della rete fognaria.

Se è vero che i tributi vanno pagati è ancor più vero che i servizi vanno garantiti!

Se la Gori non è all’altezza del suo compito, lasci che siano altri ad occuparsene!

L’avvocato in sede Confesercenti garantirà la tutela gratuita a tutti gli interessati. CONFESECENTI ANGRI – via Cap. Renato Raiola n. 40

Telefono 338 7665800

Torna su
SalernoToday è in caricamento