rotate-mobile
Cronaca

1° Maggio, le iniziative dei sindacati a Salerno e in provincia: "Costruiamo un’Europa di pace, lavoro e giustizia sociale"

Il segretario Apadula (Cgil): "L’Italia è una Repubblica democratica fondata sul Lavoro, non sui lavoretti e nemmeno sullo sfruttamento del lavoro"

Il progetto di un’Europa giusta, pacifica e operosa sarà il leitmotiv con cui Cgil Cisl e Uil celebreranno domani, 1° Maggio, la Festa dei Lavoratori 2024. L’intento, infatti, è riconoscere e sancire il ruolo strategico dell'Europa quale costruttrice di pace, lavoro e giustizia sociale, in un momento storico attraversato da molte crisi: ambientali, sociali, fino alle troppe guerre in corso. Un disegno comune che non può tralasciare i principi fondanti di un'Europa democratica, pacifica e rispettosa della dignità umana su cui ora è necessario costruire. La manifestazione del Primo Maggio, oltre al tema dell’Europa, sarà anche occasione per ribadire le rivendicazioni dei sindacati nei confronti del Governo Italiano che sono state alla base della grande mobilitazione insieme alla UIL dell’11 e 20 aprile, ma anche l’avvio della campagna per la raccolta delle firme per i 4 quesiti referendari sul lavoro, promossa dalla Cgil Nazionale.

L'annuncio

"L’impegno della Cgil sul tema del lavoro è costante e perpetuo – afferma segretario generale della Cgil Salerno Antonio Apadula - Lo abbiamo detto a chiare lettere anche dieci giorni fa, in occasione dell’Assemblea delle Assemblee, alla presenza di oltre 400 donne e uomini: l’Italia è una Repubblica democratica fondata sul Lavoro, non sui lavoretti e nemmeno sullo sfruttamento del lavoro. In particolare, lo sforzo del nostro sindacato è teso al raggiungimento del numero zero di morti sul lavoro. Un vero e proprio bollettino di guerra quello dello scorso anno e, per l’anno in corso, sembra vi sia una crescita ancora maggiore. E’ una vergogna che stiamo denunciando alle Istituzioni, di ogni ordine e grado. Continueremo a farlo, fino a perdere la voce, se necessario. La festa dei lavoratori è tradizionalmente occasione di bilancio. Nella nostra provincia, in particolare, il bilancio punta dritto nel precipizio dei numeri negativi. I nostri giovani sono costretti a lasciare la propria terra in cerca di fortuna: l’alternativa è restare qui sotto ricatto. Malpagati, lavorando in nero, provando ad immaginare una vita possibile incastrati nella rete della precarietà. L’autonomia differenziata, un piano scellerato di questo governo, è destinato a dare il colpo di grazia alla nostra economia, al nostro sviluppo e al nostro futuro. Questo è e sarà un tema centrale delle nostre battaglie. Questo disegno di legge è destinato a fallire perché noi non permetteremo a nessuno di demolire la nostra Costituzione. Noi non permetteremo che i nostri giovani diventino i nuovi migranti d’Europa".

Il programma

Per la Festa del 1° Maggio 2024 si terrà a Nocera Inferiore. Alle ore 9.30 il corteo partirà da Piazza Diaz e proseguirà per Via Dodecapoli Etrusca (Cavalcavia), Via Pucci, Piazza Rendola, Via Solimena, Via Astuti, Piazza Ferrovia, Via Nicotera, C.so Vittorio Emanuele, Piazza Amendola. Il percorso terminerà a Piazza Diaz, con arrivo previsto per le ore 12.00 circa, dove è previsto un comizio pubblico con gli interventi dei rappresentanti dei lavoratori di CGIL, CISLe UIL. Le conclusioni sono affidate al Segretario Nazionale della CISL, Ignazio Ganga. In caso di avverse condizioni metereologiche è stata già inoltrata l’autorizzazione all’uso della Sala Polifunzionale “Galleria Maiorino”, sempre a Nocera Inferiore, in Via Matteotti. A partire dalle ore 18,30, assieme al Comitato “Verso il I° Maggio”, CGIL, CISL e UIL Provinciali hanno organizzato a Salerno, presso il Teatro Augusteo in Piazza Amendola, il consueto Concerto “1 May Day” nel corso del quale salirà sul palco la R.S.U. della FOS PRYSMIAN. La Cgil Di Salerno, come da consuetudine ventennale, chiuderà il comizio dello storico Primo Maggio di Penta, frazione del Comune di Fisciano. Era il 1910 quando a Penta si celebrò, per la prima volta, la Festa dei Lavoratori. Ad organizzarla fu la Lega Metallurgica, un’organizzazione operaia, che aveva dato vita ad una sorta di sindacato di tutti i lavoratori fabbri ferrai del comune di Fisciano.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

1° Maggio, le iniziative dei sindacati a Salerno e in provincia: "Costruiamo un’Europa di pace, lavoro e giustizia sociale"

SalernoToday è in caricamento