rotate-mobile
Cronaca Corso Giuseppe Garibaldi

Processo Crescent: le dichiarazioni spontanee di De Luca

Il governatore Vincenzo De Luca è intervenuto durante il processo Crescent per rendere alcune dichiarazioni spontanee in merito a diversi aspetti della vicenda per la quale è imputato per falso ideologico, abuso d'ufficio e reati urbanistici

Il governatore Vincenzo De Luca è intervenuto durante il processo Crescent per rendere alcune dichiarazioni spontanee in merito a diversi aspetti della vicenda per la quale è imputato per falso ideologico, abuso d'ufficio e reati urbanistici. Secondo quanto riportato da Il Mattino il governatore ha smentito la presenza di accordi tra la parte imprenditoriale e quella politica.

Le dichiarazioni

"Quali sono questi elementi che possano far pensare a qualche illiceità? - ha domandato De Luca - La fretta, l'istigazione e una sponsorizzazione in favore della Salernitana avvenuta un anno dopo l'acquisizione dei diritti edificatori da parte di Rainone. La Salernitana era in difficoltà e poi sarebbe fallita. Il sindaco fa appello a tutti gli imprenditori affinché diano una mano per fare i playoff. L'accusa recepisce questo. Che un anno dopo l'aggiudica dei diritti edificatori, Rainone per un atto di gratitudine verso il sindaco fa la sponsorizzazione alla Salernitana. E come si arriva a questo riscontro? Perché Citarella, proprietario della Nocerina, polemizza con Rainone chiedendo perché non mi fai una sponsorizzazione più consistente. E lui spiega che aveva già aiutato la Salernitana. Signor presidente, vorrei sapere di cosa deve rispondere il sindaco? Del reato di tifoseria?". Il governatore, poi, ha parlato delle manovre urbanistiche: "Volendo forzare la realtà si è arrivati a dei paradossi. Siamo di fronte a forzature. La manovra urbanistica aveva l'unico obiettivo di riqualificare un'area degradata di Salerno. Mi colpisce che in questo procedimento non c'è nessun riferimento allo stato in cui versava quell'area. Noi volevamo modificarla. La tesi dell'accusa, invece, è che dieci anni di anni di manovre urbanistiche avevano come obiettivo essenziale, se non unico, quello di apportare un ingiusto vantaggio a un imprenditore". Vincenzo De Luca, poi, ha rivendicato il lavoro effettuato quando era sindaco di Salerno: "Abbiamo fatto un lavoro immane di trasformazione della città. Abbiamo cambiato il volto di Salerno che è diventata un modello di trasformazione urbana e di rigore spartano. Rivendico con orgoglio il lavoro fatto in un contesto di assoluta trasparenza".

Le reazioni

Subito sono arrivate le reazioni dell'opposizione. Roberto Celano, capogruppo al Consiglio Comunale di Forza Italia, ha commentato: "La consueta trasmissione del venerdì si è trasferita stamane a Palazzo di giustizia. Anche senza sentirlo tutti avrebbero potuto immaginare cosa avrebbe detto: ripetizione delle solite favolose rappresentazioni che nulla riguardano l'illegittimità lampante di atti e comportamenti riconosciuta anche dal Ministero dei Beni culturali. Prevedibile anche lo scaricabarile sui tecnici comunali" ha concluso.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Processo Crescent: le dichiarazioni spontanee di De Luca

SalernoToday è in caricamento