Processo frana bis: nessuna attenuante per chi specula sull'ambiente

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di SalernoToday

L’altro ieri (giovedì 15) si è tenuta, dinanzi al Tribunale di Nocera Inferiore, la seconda udienza del processo “bis” contro Franco Amato, titolare della cava di Montalbino, imputato per la frana del marzo 2005 e la morte delle tre persone travolte.

Dopo l'annullamento in Corte di cassazione della prima condanna (per un mero problema di notifica) e dopo altre lungaggini, uno spiraglio di luce si è aperto su questa triste vicenda giudiziaria: finalmente anche questo secondo processo ha superato le fasi iniziali ed è stato aperto il dibattimento che continuerà giovedì prossimo 22 novembre 2018.

Ricordiamo che nel primo processo sono state già accertate le responsabilità penali e civili del titolare della cava per la frana e la morte delle tre vittime (nel punto dove si verificò la frana era stata creata una strada a servizio della cava mediante un taglio della montagna, circostanza accertata nel processo).

Purtroppo, dopo averlo già fatto nell'udienza preliminare bis dell'anno scorso, ancora una volta, il legale dell'imputato ha chiesto la concessione al suo assistito delle circostanze attenuanti generiche, per beneficiare dell'abbreviazione della prescrizione (a sette anni e mezzo invece di quindici) dei reati di omicidio colposo plurimo e frana colposa e così avere l'immediato proscioglimento dal processo.

Per questo siamo estremamente indignati e rivolgiamo un appello al giudice Donnarumma, che deciderà nella prossima udienza, confidando nella sua sensibilità e professionalità di attento magistrato, affinché respinga questa che sarebbe una ennesima offesa alla memoria delle vittime, al dolore dei parenti ed alla costernazione della comunità nocerina!

Quello che è accaduto nel 2005 è di una gravità tale che nessuna attenuante può essere riconosciuta ad Amato considerato anche che ha studiato geologia, sapeva bene di svolgere un'attività imprenditoriale pericolosa, ed era anche direttore tecnico della cava.

Ed oggi Amato continua pure lo sfruttamento, a fini di profitto, del versante montuoso anche grazie ai continui permessi dati, con estrema facilità, dalla Regione Campania.

Dopo tre morti, due famiglie distrutte, un versante montuoso devastato, tredici anni di vicende giudiziarie paradossali ed attesa per i parenti delle vittime e la collettività, pretendiamo, dopo aver saputo la verità, che sia fatta finalmente giustizia.

Invitiamo tutti a partecipare alle prossime iniziative della Rete a Difesa del Territorio e ad unirsi a noi nel gridare ancora NESSUNA ATTENUANTE PER GLI SPECULATORI 

SULLA PELLE DELLE PERSONE!


Avv. Rosario Iannuzzi per i familiari di una delle vittime (Alfonso Cardamone) ed il Comitato Cittadino Antibarriera, parti civili nel processo, e per la Rete  cittadina Difesa del Territorio

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento