rotate-mobile
Cronaca Centro / Corso Giuseppe Garibaldi

Caso Ottica Siano, parla Ulderico: "Volevo solo i miei soldi"

L'ottico salernitano, ai domiciliari con l'accusa di estorsione e usura, si difende in Tribunale, spiegando di non essere mai stato amico dei clan

"Volevo i miei soldi, non sono amico dei clan”. Così si difende Ulderico Siano, noto ottico del centro cittadino che, finito agli arresti domiciliari, ieri, ha esposto le sue ragioni in Tribunale. Accusato di estorsione aggravata dal metodo mafioso, Siano ha spiegato che i 37mila euro di cui pretendeva la restituzione, rappresentavano il saldo da regolare di una partita di occhiali acquistata, ma mai pagata, dall'ambulante.

Ribadendo, inoltre, che non vi furono violenza e usura, Siano spiega che non sapeva che gli scafatesi da lui inviati al debitore, facessero capo ad un clan. Restano le accuse, però, per Ulderico, in attesa dell'appello del 21 giugno.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caso Ottica Siano, parla Ulderico: "Volevo solo i miei soldi"

SalernoToday è in caricamento